Burgio: La tavola della Madonna della Consolazione al museo nazionale di Cracovia

1495

La pregevole icona della Madonna della Consolazione di Burgio, di
scuola siculo cretese del XVII secolo, posta nell’altare di destra della chiesa madre, da una settimana si trova in esposizione al museo nazionale di Cracovia, in Polonia, dove si svolgerà la Giornata Mondiale della Gioventù voluta da papa Giovanni Paolo II. L’Ufficio Beni Culturali dell’arcidiocesi di Agrigento ha accolto con grande entusiasmo la richiesta di prestito pervenuta dal museo di Cracovia e ha partecipato direttamente alla movimentazione e all’allestimento della tavola, in presenza in Polonia di Giuseppe Pontillo che era accompagnato dalla dott.ssa Domenica Brancato.
La tavola, inedita fuori dall’Agrigentino, è stata posta accanto alle opere dei maggiori artisti italiani, come Michelangelo Buonarroti, Giovanni Bellini, Correggio, Andrea Mantegna, Tiziano Vecellio, Annibale Carracci, Sebastiano del Piombo, Beato Angelico, Raffaele Sanzio, nonché di artisti europei, come Francisco de Zurbaran, Rubens, Philippe de Champaigne. Il punto focale della mostra è la rappresentazione della “Madonna della Misericordia” sulla scia del tema “Beati i misericordiosi perché troveranno misericordia”. Rimarrà nella grande mostra mariana sino al 9 ottobre prossimo.

3. Icona  Madonna della Consolazione -Burgio

L’ufficio Beni Culturali Ecclesiastici di Agrigento ha riconosciuta nella tavola la presenza del “modus pingendi” , di uno degli esponenti della scuola siculo-cretese,
tanto diffusi tra le comunità albanesi dell’Isola, l’iconografo Ioannikios Cornero da Candia. La sua presenza a Burgio potrebbe legarsi al rito greco-bizantino che, divulgato dall’Albania, dal 1448 si diffuse tra i comuni di Contessa Entellina e Palazzo Adriano, piccoli centri palermitani, che fino al 1844 facevano parte della diocesi di Agrigento.
La tavola della Madonna della Consolazione fu rubata dalla chiesa madre nel settembre del 1964, per il dispiacere l’arciprete don Roccò Colletti ne morì, fu ritrovata il giovedì santo del 1992 nella cattedrale di Catania da mons. Bommarito, fu intronizzata da mons. Ferraro il 30 aprile 1995.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here