Ribera: Si ricompone l’ufficio intercomunale dell’agricoltura smembrato dall’assessorato regionale.

523

Si ricompone, dopo la dovuta protesta di una mezza dozzina di sindaci, l’ufficio intercomunale dell’agricoltura di Ribera che nei giorni scorsi era stato smembrato da un provvedimento dell’assessorato regionale all’Agricoltura che ha dimostrato di non conoscere la geografia del territorio agrigentino. All’ufficio di Ribera, che era stato ribattezzato comunale, saranno riassegnati ora i comuni di Calamonaci, Lucca Sicula, Villafranca Sicula, Burgio, Cattolica e Montallegro i cui agricoltori avevano cominciato a protestare energicamente perché per una pratica aziendale agricola avrebbero dovuto fare decine e decine di chilometri di strada, con disagi e spese.
A rassicurare i coltivatori, i sindaci e le organizzazioni professionali è stato nei giorni scorsi ad Agrigento in prefettura l’assessore regionale all’Agricoltura Antonello Cracolici il quale ha giustificato “l’errore d’ufficio” con il fatto che la sede Uia di Ribera inizialmente era stato smembrata (Villafranca Sicula alla sede di Sciacca, Calamonaci, Lucca Sicula e Burgio a Bivona e Cattolica Eraclea e Montallegro ad Agrigento) e quando è stato ricomposto l’ufficio i funzionari regionali si sono dimenticati di aggiungere all’elenco i sei comuni che erano stati “trasferiti”.
Il primo a protestare era stato il sindaco di Calamonaci Enzo Inga il quale ha definito il provvedimento scellerato perché avrebbe costretto gli agricoltori della cittadina a raggiungere Bivona per 65 km di strada impercorribile, anzicchè assegnarli all’ufficio di Ribera che dista appena 4 chilometri.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here