Ribera: Quando la scuola, l’Istituto Tecnico, diventa poliambulatorio e laboratorio di analisi cliniche

2654

La scuola diventa un poliambulatorio e gli studenti sono coinvolti in attività di educazione alla salute con la presenza di medici e specialisti che hanno eseguito, quasi un centro ospedaliero, diversi screening gratuiti nel corso dell’intero anno scolastico.
Presso l’Istituto Tecnico “Giovanni XXIII”, sezione dell’IISS “Crispi”, per le prime classi sono stati attivati incontri volti alla prevenzione primaria, con argomenti rivolti alla lotta alle dipendenze; le seconde classi si sono soffermate sull’educazione alla relazione, affettività e sessualità; le terze hanno affrontato la tematica della lotta allo stigma; le classi quarte hanno incontrato l’urologo e il senologo per la prevenzione oncologica e le patologie dell’apparato urogenitale; le quinte classi sono state sensibilizzate alla donazione del sangue e del cordone ombelicale, grazie alla presenza di operatori del Sert e agli specialisti del territorio.
Attività rilevante per le classi quinte del Tecnico e dell’IPIA è stata la prevenzione delle malattie cardiovascolari. Una campagna informativa e screening cardiologico, grazie ai cardiologi dottori Pietro Gambino e Antonino Territo, nonché agli infermieri Liborio Guddemi e Giuseppe Lupi, con l’aiuto di Margherita Gucciardo, i quali, a titolo gratuito, hanno prestato la loro opera. I biologi Armenio e Tortorici che hanno messo a disposizione i laboratori di analisi cliniche. Maria Garuana, presidente dell’associazione “Noi ci siamo” ha organizzato un momento conclusivo del percorso portando a scuola pane, olio, arance e dolci fatti in casa che sono stati offerti ai ragazzi per promuovere la dieta mediterranea. La referente del progetto è stata la prof.ssa Marianna Vinci, coadiuvata dai prof. Franco Giordano e Mulè Antonino.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here