Villafranca Sicula: Mercoledì 1° giugno, una lapide per i tre bambini nel 50° anniversario dello scoppio della bomba bellica

2056

Saranno ricordati dall’amministrazione comunale e dal sindaco Domenico Balsamo i tre bambini che il 1° giugno 1966 persero la vita giocando con una bomba a mano ritrovata all’interno del bevaio “Polli”, in periferia. Mercoledì prossimo, alle ore 16, nel 50° anniversario dell’evento, sarà scoperta una targa di ceramica all’angolo tra via Manzoni e via Ruggero VII, luogo della tragedia cittadina. Alle 17,30 la messa in madrice officiata da don Davide Trizzino. I tre bambini, Vincenzo Graci, 7 anni, Antonio Guarisco, 8 anni, e Giuseppe Sortino, 9 anni, deceduti sul colpo, per lo scoppio di una delle 6 bombe ritrovate nel bevaio e abbandonate da gente senza scrupoli e morale, assieme ad un gruppetto di amici, hanno tentato di aprire la bomba, di cui sconoscevano la pericolosità, quando la deflagrazione investì tutti i ragazzini tra i quali altri 5 rimasero seriamente feriti. Della tragedia si occupò su L’Ora il giornalista palermitano Mauro De Mauro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here