L’Ordine dei giornalisti di Sicilia premia 8 pubblicisti per i 35 anni di iscrizione. Presenti i riberesi Minio e Castelli

894

L’Ordine dei Giornalisti di Sicilia ha premiato ieri mattina, a margine dello svolgimento del corso professionale, otto pubblicisti agrigentini che hanno maturato oltre 35 anni di iscrizione all’Ordine. A consegnare le medaglie di argento è stata la vicepresidente dell’Ordine Teresa Di Fresco nel corso della riunione che si è svolta presso l’Hotel Costa Azzurra di San Leone. Hanno avuto il riconoscimento Salvatore Castelli ed Enzo Minio di Ribera, Giuseppe Merlo di Sambuca di Sicilia, Calogero Craparo di Sciacca, Egidio Terrana di Grotte e Franco Chibbaro di Agrigento, presenti all’evento, assieme ad una trentina di colleghi che hanno seguito il corso. Una medaglia è stata assegnata pure alla memoria dello scrittore Leonardo Sciacca di Racalmuto. A ritirare il riconoscimento, che sarà consegnato alla famiglia, l’assessore alla Cultura del Comune di Racalmuto Salvatore Picone.

Agrigento corso professionale giornalisti maggio 2016 FOTO Minio
A tenere il corso professionale, a cui doveva partecipare come relatore principale Francesco Pira di Licata, coinvolto nella serata di sabato in un incidente stradale nel quale ha riportato diverse ammaccature, è stata la vicepresidente dell’Ordine Teresa Di Fresco che ha trattato il tema del rumor e del gossip ossia la narrazione del pettegolezzo tra radio, televisione e social.
Riferendosi al libro di Francesco Pira e di Antonio Cava, sociologi della comunicazione, la Di Fresco ha relazionato su una valutazione di come il pettegolezzo abbia nel corso degli anni preso “credibilità” anche grazie all’avvento dei social, fino a finire sulle pagine dei giornali. Un salto nel passato, con riferimenti perfino a Dante, Boccaccio e Manzoni per vedere come sia cambiato il significato di “notizia”, come si sia passati dalla chiacchiera del cortile al web-pettegolezzo. La vicepresidente dell’Ordine dei Giornalisti ha spiegato anche come la politica sia entrata in pieno nel gossip e come alcuni politici siano diventati mattatori-star in alcune trasmissioni televisive dal “Maurizio Costanzo Show” al “Porta a Porta” di Bruno Vespa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here