Villafranca Sicula: La Cia organizza per il 13 maggio un incontro per l’aumento del costo dell’acqua ad uso irriguo

851

– Ai Sindaci del Comprensorio irriguo
– Ai Parlamentari Reg.li e Nazionali della Zona
– All’Amministratore straordinario del Consorzio 3 Ag.
– Ai Presidenti Comunali C.I.A.
– Al Presidente e Direttore Prov.le U.P.A.
– Al Presidente Consorzio Arancia D.O.P. Ribera

Oggetto : invito incontro sul Consorzio di Bonifica 3 Agrigento.
Ad oltre 3 mesi dall’incontro sul Consorzio di Bonifica 3 Agrigento, tenutosi nella Sala Giunta del comune di Ribera, la scrivente Organizzazione, dopo le deludenti notizie acquisite negli incontri con il nuovo Amministratore straordinario ed il Direttore del Consorzio stesso, è costretta a chiederVi di ridiscutere dell’argomento e ritorna ad inviarVi ad un’ennesima riunione, da tenersi nella SALA CONSILIARE DEL COMUNE DI VILLAFRANCA SICULA VENERDI’ 13 MAGGIO p.v. alle ore 18,00.
Infatti dal 25 Gennaio scorso ad oggi alcune cose sono campiate, oltre all’Amministratore Straordinario ed al fatto che la natura ci sta garantendo la quantità d’acqua sufficiente ad affrontare la stagione irrigua ;
Abbiamo appreso che:
– Le ultime perizie di manutenzione degli impianti irrigui approvate, quelle relative all’anno 2013, debbono ancora essere accreditate;
– Che il personale dipendente, del Consorzio,nell’anno 2016 ha riscosso un solo mese di stipendio;

– Nonostante le dichiarazioni di alcuni capi gruppo dell’A.R.S. il prezzo dell’acqua è passato da 15 a 19 centesimi il metro cubo;
– Il costo fisso (sotteso) negli ultimi anni è passato da 20 euro/ettaro ad oltre 40 euro ed a chiusura del bilancio 2015, potrebbe essere aumentato di ulteriori 20/25 euro per ettaro;
Molte altre cose, purtroppo, sono allo stesso punto dello scorso 25 Gennaio, quali:
Il rapporto ENEL Consorzio di Bonifica, sulla gestione delle dighe Raia di Prizzi e Gammauta e della Bretella di collegamento fiume Sosio-Verdura con la diga Castello;
– La norma della Legge Finanziaria 2014 che stabilì l’autofinanziamento dei Consorzi di Bonifica Siciliani, entro il 2020, con il taglio dei finanziamenti Regionali del 20% l’anno, è ancora in vigore;
– In relazione a tale norma, quindi, ogni anno il costo dell’acqua è destinato ad aumentare, costringendo l’agricoltura, principalmente quella irrigua, come quella del nostro comprensorio, a chiudere battenti.
Per cui, come se non bastassero le decisioni internazionali come gli accordi per l’olio Tunisino e le arance Africane, anche le scelte legislative dell’A.R.S. si scagliano contro la nostra agricoltura.
Per tutto quanto sopra esposto, considerata la assoluta incertezza di avere garantito il servizio irriguo, nella totale insicurezza dei costi dell’acqua , la Confederazione Italiana Agricoltori Agrigentina invita le S.V. ad intervenire alla riunione, per definire una piattaforma di azioni , da portare avanti unitariamente, in difesa del nostro Comprensorio e dell’agricoltura Agrigentina tutta.

p.Il Comitato Zona Il Presidente Prov.le
Giovanni Caruana Calogero Frenda
Agrigento 05/05/2016