Calcio: La partita Cianciana-Salemi vista da un tifoso

741

A Cianciana,17 aprile 2016, Campionato di calcio “Prima Categoria”
Polisportiva Cianciana – Polisportiva Calcio Salemi
E’ l’ultima di campionato, due squadre una vetta, tutte e due prime in classifica e si gioca non solo il primato, ma il passaggio alla categoria superiore.
La Salemi ospite è con un seguito di tutto rispetto, in certi momenti sembrava che giocassero loro in casa, ma la tifoseria del Cianciana ha gridato più di loro; sembrava una gara nella gara, è una doppia partita, i giocatori in campo per risolvere il primato e le tifoserie che dovevano dimostrare che il loro supporto era il 12° uomo.
Molto colorata con canzoni d’incitamento senza sbavature di sorta, tutto bello quando le cose si fanno con rispetto della legalità sportiva.
Naturalmente vi era un servizio d’ordine eccellente, dai carabinieri che hanno controllato tutte le zone del campo, ai vigili urbani e alla protezione civile, non mancava il pronto intervento medico con ambulanza nella necessità, tutto era stato preparato per non incorrere a inconvenienti negativi.
Ma veniamo alla partita, le squadre in campo e prima del calcio d’inizio l’assessore Silvana Bartolomeo e il vice Sindaco di Salemi onorano con omaggio floreale la struttura dedicata a Giuseppe Setticasi nostro concittadino caduto sul lavoro che ha donato i suoi organi a persone che ravvivano la sua memoria.
La partita molto fiacca, le squadre sentono il peso del campionato già alla fine e che vale tutta la stagione calcistica.
La Polisportiva Cianciana disputa sua la partita ma non è abbastanza fortunata anche perché il Salemi non gioca per vincerla ma si riserva di finire il campionato in uno spareggio successivo se persiste il risultato di parità.

tifosi Cianciana
Eventi a volte che possono essere fortunosi come dannosi cambiano tutto nella gara, è vedere il Cianciana che fa di tutto per vincerla e un Salemi molto attento e pauroso, che riesce nel finale con un tiro molto bello e insidioso a infilarsi nell’angolo alto del portiere senza possibilità di arrivarci. Un portiere come Tornabene che non meritava questa beffa anche se a segnare è stato il capocannoniere del campionato, Calia. Tornabene in tutto l’anno ha dato prova di avere quelle potenzialità e sicurezza alla sua squadra come i giocatori vogliono.
Zona Cesarini, il minuto 91° ha dato sentenza pesante al Cianciana, pochi i minuti di recupero che restano per cambiare le sorti della partita, ma non bastano.
Analizzare la gara nei suoi contenuti è banale, come dico sempre, meglio giocare male e vincere che giocare bene e perdere, non è sportivo ma alla fine conta il risultato che rimarrà negli annali dei ricordo.

tifosi Salemi
Dispiace sicuramente ma tutto non è perduto, dalle cadute tutto si rafforza e la Polisportiva Cianciana ha quella potenzialità di riemergere e conquistare ciò che le spetta.
Forza ragazzi non tutto è concluso.
Partita finita e il pubblico sportivo Ciancianese applaude i vincitori che festeggiano una promozione fuori dalle mura di casa, non dimenticheranno l’ospitalità calorosa dei nostri concittadini.
A vedere gli spalti sembrava una partita amichevole con i cittadini mischiati sia di Cianciana che di Salemi a godersi una partita di calcio con quella fraternità che il calcio richiede.
Bravo il Salemi che ha vinto, ma un augurio alla Polisportiva Cianciana di raggiungere l’obiettivo nei Playoff.

 

Testo e foto di Gaetano Arfeli

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO