Cattolica Eraclea: Scambi culturali e turistici italo-francesi.

678

“La Francia guarda con attenzione turistica alla Sicilia e alla provincia di Agrigento dove si vogliono convogliare migliaia e migliaia di visitatori, a fronte dei rischi che i turisti oggi corrono per i viaggi in Tunisia, Egitto e Turchia. Organizzatevi al meglio perché avete una grande occasione da sfruttare”. E’ questo l’appello lanciato in piazza ieri a Cattolica Eraclea dal sindaco francese Daniel Leleu che guida la delegazione d’oltr’Alpe che rimarrà in provincia sino alla fine della settimana per trascorre una vacanza quasi estiva, grazie al caldo di questi giorni, visitando le località e i centri più importanti del territorio.
Daniel Leleu, sindaco della cittadina di Vaux en Amienois del dipartimento della Somme, è stato più volte a Cattolica Eraclea e accompagna il gruppo che, di una cinquantina di persone, tra cui molti professionisti, è stato accolto a Cattolica Eraclea dal sindaco Nicola Termine, da assessori e consiglieri comunali, dal presidente della Pro Loco Giacomo Spoto e da Girolamo Rizzuto, il cattolicese, che ha fatto da gancio al gemellaggio turistico, culturale ed economico.

Delegazione-francese-nella-valle-dei-templi-FOTO-MINIO
La delegazione francese è composta da Laurance e Sebastien Carre, Brigitte e Josè Acune, Therese e Ghislain Duflos, Nadine e Didier Demailly, Jocelyne e Michel Lebarcq, Cecile e Bruno Boufflet, Regine e Michel Hennequez, Francoise e Claude Caux, Angelique e Franck Lagny, Sabine e Michel Malgouzou, Ginette e Francois Petit, Laurence e Jean Francois Petit, Coralie e Alain Marquis, Madelein e Pierre Noblesse, Aliette e Jean Claude Secret, Maryse e Gerard Thouroude, Monique e Claude Varlet, Renèe e Daniel Vignon, Ghislaine e Baernard Zirmi, Mathieu Bette, Bernardette Lalou, Joelle Chadal, Claudette Farcy, Pauline Becquet, Charolotte Leleu, Joel e Christine Ducrotoy, Annie Beldame, Gerard Gras, Daniel Leleu, Nicole Demarque.
I francesi, hanno visitato ieri la Valle dei Templi di Agrigento, Scala dei Turchi ed Eraclea Minoa. Stamattina si recheranno a San Biagio Platani dove, accolti dal sindaco Santino Sabella, visiteranno gli Archi di Pasqua. Di pomeriggio puntata a Montallegro, Caltabellotta e Burgio. Domani sarà il turno di Sciacca e Ribera. Un’altra folta delegazione di 100 turisti, con 15 sindaci francesi della Picardie, sarà in provincia nell’ultima decade di maggio.