Grande partecipazione all’escursione sul Monte Sara organizzata dall’associazione Misilcassim

810

Ha avuto luogo, domenica scorsa, la tanto attesa escursione sul Monte Sara che ha visto come protagonista l’Associazione Turistica Culturale MISILCASSIM, nelle persone di Carmelo Gibilaro, Giuseppe Scorsone, e Vito Gambino.
L’escursione, che per vari motivi è stata voluta come passeggiata ecologico/culturale impiantata in parte anche su quello che si potrebbe definire “geoturismo”, ha visto circa una cinquantina di partecipanti, non solo riberesi ma provenienti anche da Agrigento, Caltabellotta, Sciacca, Palermo, e Trapani, che si sono ritrovati nella locale Piazza Duomo, non a caso scelta come luogo di raduno ma proprio con lo scopo di fare ammirare il monumento dedicato a Francesco Crispi, la Chiesa Madre e la chiesa del Rosario. Dopo la registrazione in loco e lo spostamento in auto fino all’area attrezzata di Monte Sara si è dato inizio alla vera e propria escursione lungo i sentieri che si inoltrano nel bosco.
Il primo stop è stato nel punto più alto del Monte Sara che costituisce una terrazza panoramica naturale posta ad una quota sul livello del mare di 435 m. I visitatori dalla vedetta della Forestale hanno potuto osservare il Canale di Sicilia, la valle del Fiume Platani, la porzione più meridionale dei Monti Sicani, Monte Cammarata, i Comuni di Cianciana, Caltabellotta, Cattolica Eraclea, San Biagio Platani, Sciacca e l’estesa superficie spianata su cui è edificato il Comune di Ribera.

Monte Sara in cammino
La seconda fermata ha previsto la visita alle Maccalube, ovvero i fenomeni di vulcanesimo sedimentario peculiari del Monte Sara. Da lì, il percorso è continuato ammirando la vegetazione che caratterizza l’intera area, fino ad arrivare all’area attrezzata dove i partecipanti hanno consumato un pasto conviviale.
Presenti alla manifestazione il Presidente dell’Associazione Marevivo, nella persona di Fabio Galluzzo, il delegato regionale del WWF Sicilia Area Mediterranea Franco Andaloro e il Presidente Giuseppe Mazzotta, e Riccardo Cingillo istruttore Subacqueo, altofondista, autore del libro “Ombre dal Fondo”, cameraman subacqueo delle principali trasmissioni televisive nazionali in materia di mare ed ambiente, e tra i principali attivisti nella campagna contro le trivellazioni in mare.