Senatore Ruvolo: Miur risolva la “vacatio legis” per l’alta formazione artistica-musicale

516

“Emanare i regolamenti ancora mancanti per la completa attuazione della legge 508 del 1999 di riforma delle accademie di belle arti che ha allineato conservatori ed accademie alle università abilitandoli a rilasciare diplomi accademici di primo e secondo livello e, soprattutto, risolvere la protratta vacatio legis che impedisce la totale implementazione della riforma del sistema di alta formazione artistico-musicale”. Lo chiede il senatore del gruppo Alleanza Liberalpopolare-Autonomie, Giuseppe Ruvolo, in un’interrogazione al ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Stefania Giannini, e al ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini.
“Il riordino previsto dalla legge del settore artistico-musicale – spiega Ruvolo – non è stato ancora completato e molti allievi dei conservatori sono iscritti e continuano a frequentare corsi pre-accademici, che corrispondono ai corsi di scuola media superiore, lasciando il sistema dell’alta formazione artistico-musicale in una grave e inaccettabile incertezza. Il 13 ottobre 2014 è stata data notizia dell’avvio del cantiere Afam chiamato a predisporre un Rapporto per ridefinire il futuro del settore. Il 27 gennaio scorso si sono riunite a Roma le Conferenze nazionali dei Presidenti, dei Direttori e dei Presidenti delle Consulte degli studenti dei Conservatori statali e non statali che hanno votato una mozione denunciando il blocco del processo di riforma del sistema Afam proprio per la mancata emanazione dei decreti attuativi. I ministri intervengano quanto prima per il corretto avvio del prossimo anno accademico”.

Senatore Giuseppe Ruvolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here