Ribera: famiglie “condannate” a convivere con gli alberi davanti casa

804

E’ incredibile come alcune famiglie riberesi siano state “condannate” a convivere con gli alberi del verde pubblico, fin quasi sulla porta di casa, con qualche rischio e pericolo per i cittadini e per le auto di passaggio. Succede in via Canova, dove da anni diversi nuclei familiari hanno segnalato all’amministrazione comunale che i grossi alberi di ficus della centrale arteria, a sud della circonvallazione, invadono pericolosamente la via dove i rami e le fronde arrivano sotto l’uscio di casa e rendono pericolosa l’uscita delle famiglie dalle rispettive abitazioni.
La mancata potatura degli alberi, che non avviene da alcuni anni, rende pericoloso il transito dei veicoli, specie dei camion da danneggiano i cassoni e le coperture, e perfino il posteggio delle autovetture delle famiglie davanti le loro case. Il rischio grave esiste per le famiglie che escono da casa. L’aspetto strano della vicenda è che nell’ultimo anno gli alberi della via Canova sono stati potati dagli operatori del servizio comunale dell’agricoltura nella parte iniziale e in quella finale dell’arteria.
Rimangono da potare diversi alberi posti al centro del viale a doppia carreggiata. I diversi nuclei familiari sostengono che le piante di ficus non verrebbero potate quasi “di proposito” sol perché gli abitanti delle palazzine hanno avuto il coraggio di lamentarsi e di chiedere da tempo, per la loro incolumità, l’intervento della stampa. In effetti, risulta strano come in tante arterie della cittadina gli alberi vengano potati regolarmente e periodicamente, da tempo, e nella via Canova il servizio viene espletato soltanto in parte, con “condanna” di quelle famiglie che hanno lamentato disservizi, pericoli e ritardi. Anche la stampa si è occupata della segnalazione del rischio. C’è da augurarsi che nel tratto stradale non succeda l’irreparabile, per colpa degli alberi.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO