Ribera: Sindaco e giunta si decurtano del 20 % l’indennità a favore della collettività

758

L’intenzione era stata annunciata durante la campagna elettorale, in concomitanza con gli avversari politici che avevano parlato del progetto di autoridursi l’indennità di carica se fossero stati eletti al palazzo municipale. Oggi il sindaco Carmelo Pace e gli assessori Cristina Cortese, Lucia Padovano, Alessandro Dinghile e Antonino Firetto hanno annunciato ufficialmente di avere già redatto e approvato un atto deliberativo con il quale destinano il 20 per cento della indennità che percepiscono, come amministratori pubblici, a favore del bene pubblico.
Per sindaco e assessori, non si tratterà soltanto di un mero risparmio del bilancio finanziario dell’ente locale, ma della possibilità di impiegare subito le somme “risparmiate” nella realizzazione di opere pubbliche utili alla collettività. Nella conferenza stampa d’inizio d’anno, gli amministratori hanno ribadito la loro intenzione ed oggi annunciano, anche con un comunicato stampa, che le somme di denaro risparmiate saranno destinate, in un apposito capitolo di spesa, a finalità di cui la collettività riberese ha più bisogno per dare decoro, pulizia ed immagine alla città.
“Abbiamo deciso che il 20 per cento delle nostre indennità sarà destinato a specifiche esigenze della nostra città – afferma il sindaco Carmelo Pace – contribuendo, così, di tasca nostra, alla realizzazione di determinate attività. Per fare qualche esempio, potremo acquistare cestini, panchine e piante per dare maggiore decoro alla città o ancora per realizzare svariate iniziative culturali, sociali e sportive che i giovani ci chiedono. Questo è un impegno già annunciato in campagna elettorale e ribadito durante la conferenza stampa di inizio d’anno, quindi dal mese di febbraio sarà avviata questa nuova procedura finanziaria”.
Pare che la somma di denaro destinata ai beni e alle iniziative pubbliche possa essere di circa 20 mila euro l’anno. Trimestralmente gli amministratori comunali rendiconteranno al consiglio comunale, alla stampa e alla cittadinanza come sia stato impiegato il denaro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here