Ribera: 5 ore di maratona musicale con sei conservatori siciliani al teatro Pirandello di Agrigento. Viene chiesta la statalizzazione degli istituti musicali

828

Venerdì 19 nel Foyer del Teatro Pirandello di Agrigento si è svolta la prima tappa della Maratona Musicale dei sei conservatori di Musica Siciliani,per la prima volta riuniti tutti insieme dal comune intento di attenzionare all’opinione pubblica, alla politica e alle Istituzioni, le gravi problematiche del sistema italiano di Alta Formazione Artistica Musicale . La Maratona di protesta e di proposta che continuerà Sabato 27 Febbraio ore 16,00 nella Sala Scarlatti del Conservatorio “V.Bellini” di Palermo e Sabato 5 marzo ore 15,30 nell’Aula Magna “A.Pappalardo” del Conservatorio “A. Scontrino”, si pone anche l’obiettivo di “suggerire” le soluzioni alla paralisi del sistema, dovuto al ritardo perpetrato da parte del Miur nell’emanazione dei regolamenti attuativi della legge 508/99 attesi da ben 17 anni e riguardanti il reclutamento, la messa ad ordinamento dei bienni sperimentali, la rielezione del CNAM, l’incremento delle risorse e la statalizzazione dei Conservatori finanziati dagli Enti locali che a causa della soppressione delle Province e degli Enti Locali stanno rischiando di non poter più proseguire le attività. Tra quelli più a rischio i Conservatori non statali di Ribera(AG), Caltanissetta, Catania, Taranto e Livorno.

Toscanini al Pirandello 2
L’unica soluzione definitiva,a detta dei tre Direttori dei Conservatori di Ribera, Trapani e Messina (M°Mariangela Longo, M° Walter Roccaro e M°Gianfranco Nicoletti ) presenti ieri all’evento,consiste in un intervento della politica nazionale e in particolare del Ministro Giannini e del Governo, che, preso atto del gravissimo stato dei fatti, con un atto di responsabilità, diano finalmente risposte concrete alle richieste poste dai Conservatori a livello Nazionale e portino a compimento la Legge di riforma del ’99. Intervenuta anche l’On Maria Iacono che si è pubblicamente impegnata a proseguire la lotta in Parlamento, già avviata negli anni precedenti, per arrivare finalmente all’obiettivo della Statalizzazione per salvare le Istituzioni a rischio chiusura. Accorato l’intervento del Presidente della Consulta degli studenti del Toscanini Giuseppe Infantino: “se chiudessero i non statali, poi potrebbero chiudere anche gli altri e i talenti italiani sarebbero costretti a trasferirsi all’estero per potere realizzare il loro sogno di diventare musicisti. In un paese dove la Cultura, l’Arte e in particolare la Musica è sempre stata una tradizione di eccellenza e di fama mondiale ciò significherebbe davvero il declino assoluto. Tutti noi dobbiamo ribellarci a tale grave fatto e lottare affinchè non si arrivi all’irreparabile.”

Toscanini al Pirandello duo violoncello e pianoforte
Per la vertenza Toscanini il Direttore M° Mariangela Longo ha ribadito che per potere proseguire le attività didattiche dell’Anno Accademico in corso (con oltre 600 ore di lezione ancora da attivare), è necessario che vada in porto in finanziaria regionale il contributo di emergenza e che arrivi al più presto il contributo statale, entrambi indispensabili e complementari; e ha concluso affermando che, considerato l’azzeramento del finanziamento da parte del Libero Consorzio dei Comuni di Agrigento unico ente finanziatore dell’Istituto, la STATALIZZAZIONE entro il 2016 è ormai condizione necessaria e indispensabile per il proseguimento dell’attività dell’Istituto.
Il Direttore del Conservatorio “A. Scontrino” di Trapani M°WalterRoccaro ha sottolineato l’importanza della collaborazione nata tra i 6 Conservatori, anticipata anche da precedenti collaborazioni con l’Orchestra congiunta con il Toscanini di Ribera, che porterà sicuramente a dei risultati importanti anche sotto il profilo artistico.
Tanti i giovani talenti provenienti da tutta la Sicilia che si sono esibiti in una carrellata di altissimo livello artistico che ha visto in scena pianisti, cantanti, flautisti, clarinettisti,, chitarristi,strumentisti ad arco, ensemble particolari dal duo di Arpe al quartetto e sestetto di sassofoni all’ orchestra da camera, alla presenza del Direttore Generale della Fondazione Teatro Pirandello Dott. Calogero Tirinnochi, del M° Pippo Flora e con una gradita visita del Sindaco Calogero Firetto. Un pubblico attento e vario ha assistito alla lunga maratona iniziata alle ore 16,00 e conclusasi alle ore 21,00, con la presenza anche di qualche turista incuriosito che ha molto apprezzato il concerto.

Toscanini al Pirandello duo di arpe - gemelle palazzolo - conservatorio messina

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here