Ribera: Le arance Dop stamane a Roma all’Hotel Quirinale per un confronto nella Giornata Nazionale della qualità agroalimentare

1380

Le Indicazioni Geografiche Italiane, oltre ad essere una vera ricchezza per il Paese, rappresentano un modello economico di successo con fatturati alla produzione di oltre 13 miliardi in costante crescita, un export pari al 20% di quello globale del settore agroalimentare e una base produttiva molto ampia, che si aggira intorno alle 150.000 imprese. Ma in tale ambito gli scenari evolvono di continuo: a livello internazionale la concorrenza degli altri Paesi e le imitazioni sono sempre in aumento, le frodi alimentari rappresentano una vera spina nel fianco, al pari della crisi dei consumi e delle difficoltà di alcune filiere. Questi ed altri fattori impongono a tutto il settore una riflessione seria per guardare con più serenità al proprio futuro.

arance a Kolymbethra
Per questo motivo l’intero comparto delle DOP e IGP e il Consorzio dell’Arancia di Ribera DOP, si riuniranno mercoledì 17 febbraio a Roma per la “Giornata nazionale della qualità agroalimentare”, un’iniziativa promossa dal Ministero delle Politiche Agricole e realizzata da Ismea. L’obiettivo è un confronto fra operatori e decisori politici per costruire insieme un programma di attività strategiche da mettere in atto. Nell’occasione sarà presentato il XIII Rapporto Ismea – Qualivita, l’indagine socio-economica che fotografa come il mondo dei prodotti DOP IGP sia ormai un sistema evoluto, che esprime tutto il suo potenziale soprattutto quando crea sinergie e non si divide.
Durante la giornata saranno organizzati sette gruppi di lavoro sui temi specifici del settore delle Indicazioni geografiche e partecipati dai principali protagonisti, con lo scopo di individuare alcune delle direttrici di sviluppo del settore in un’ottica bottom-up. Ogni gruppo sarà coordinato da un esperto qualificato che, sulla base degli stimoli dei partecipanti al tavolo, realizzerà un documento sintetico di proposta che, integrato a quelli provenienti dagli altri tavoli, costituirà l’agenda delle attività strategiche della qualità agroalimentare italiana.
Il Consorzio dell’Arancia di Ribera DOP sarà impegnato nel gruppo “Evoluzione del sistema dei Consorzi di tutela”coordinato da Riccardo Deserti, direttore del Consorzio Parmigiano Reggiano.
ARANCIA DI RIBERA DOP RIBERELLA
Consorzio di Tutela Arancia di Ribera DOP

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here