Ribera: La Cia chiede un incontro al Consorzio di Tutela Arancia Dop per affrontare l’argomento della commercializzazione delle arance

510

Nella stessa giornata di Lunedì 01 Febbraio scorso, i maggiori quotidiani Regionali “ La Sicilia” ed il “Giornale di Sicilia” hanno dato risalto al settore agricolo più rappresentativo della nostra Isola, l’arancia.
La macroscopica differenza stava tutta sulle motivazioni che hanno spinto, gli ispiratori degli articoli, ad intervenire sigli organi di stampa.
Da una parte i rappresentanti di Agrinsieme Catania, la provincia agrumicola per eccellenza della Sicilia, con il loro intervento, su “ La Sicilia,” denunciano che “ l’import degli agrumi africani schiaccia le arance della Sicilia “;
Dall’atra il Presidente del Consorzio l’Arancia di Ribera D.O.P. dichiara,sul “Giornale di Sicilia”, che si “aprono spazi nuovi per le arance”, alla luce dell’andamento della campagna di commercializzazione, che a suo dire, registra un più 10% ed ai risultati raggiunti con l’ultima apparizione su Linea Verde.
Orbene siccome anche Agrinsieme Agrigentina vuole capire cosa succede alla nostra agricoltura,avendo fatto una veloce verifica dell’andamento di mercato delle nostre arance, attraverso i centri di lavorazione e commercializzazione, operanti nel nostro territorio ed avendo ricevuto notizie allarmanti, su un pericoloso blocco delle richieste, forse proprio a causa dell’invasione dei mercati di consumo dalle arance africane; le scriventi Organizzazioni chiedono un’incontro, urgente, con il Presidente del Consorzio, per analizzare la reale situazione del settore.
In particolare si vuole capire:
Che programmi ha il Consorzio in ordine alla verifica delle arance commercializzate come D.O.P.;
Che controlli si stanno facendo nella Grande Distribuzione e nei mercati Ortofrutticoli del Paese;
Che azioni di supporto al consumo dell’arancia Italiana e D.O.P. di Ribera in particolare si stanno portando avanti, attraverso progetti mirati, anche in convenzione con la stampa e le reti TV nazionali;
Come il Consorzio intende coinvolgere le Organizzazioni Professionali , gli
Enti Locali interessati e la Regione stessa nell’azione istituzionale del Consorzio, cioè quella,di promozione e difesa del nostro prodotto.
Ritenendo di fare gli interessi dei produttori e del Comprensorio tutto, fidiamo nello spirito di collaborazione del Consorzio e restiamo in attesa di un’urgente riscontro, positivo, alla nostra richiesta.

p. l’UPA                                                                                                      per la CIA
Giuseppe Venturella                                                                          Giacomo Burreci

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here