Ribera: Panepinto “No” alla chiusura della condotta agraria

529

“La Condotta Agraria di Ribera deve continuare a svolgere le sue funzioni restando al servizio di uno dei più importanti distretti rurali della Sicilia”. Lo dice Giovanni Panepinto, vicepresidente del gruppo PD all’Ars, a proposito della ventilata ipotesi di chiusura della struttura periferica dell’assessorato all’Agricoltura nella “città delle arance. L’odierna rassicurazione arriva dopo che nello scorso fine settimana si era diffusa la voce nella città delle arance della prossima chiusura dell’ufficio zonale di Ribera e della sua aggregazione alla sede di Sciacca dove sarebbero stati indirizzati pure gli agricoltori e le organizzazioni professionali di Villafranca Sicula.
Il 25 novembre scorso una nota dell’assessorato regionale all’Agricoltura parlava di una proposta di riorganizzazione delle condotte agrarie della Sicilia e delle sue unità operative, con un abbattimento delle strutture intermedie del 30 per cento. Di conseguenza, la proposta preveda l’accorpamento della condotta agraria di Ribera a quella di Sciacca e l’assegnazione dei comuni del comprensorio riberese, Calamonaci, Burgio, Lucca Sicula, Cattolica Eraclea e Cianciana, a Bivona, con Villafranca Sicula accorpata a Sciacca.
Il sindaco di Bivona Panepinto interviene anche in merito al consorzio di bonifica: “Chi prospetta scenari apocalittici resterà deluso – aggiunge – l’intendimento del governo e dell’assessore infatti non è quello di desertificare la Sicilia, ma al contrario di trasformare enti e strutture che fino ad oggi sono stati utilizzati come veri e propri carrozzoni, in strumenti efficaci al servizio delle imprese agricole e del territorio garantendo i livelli occupazionali”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO