Siculiana: Multata la Regione Siciliana per le discariche non bonificate di Siculiana, Cammarata e Racalmuto

806

Non solo il servizio della raccolta dei rifiuti solidi urbani oggi è sempre più in crisi, sia per i costi che per il fallimento degli Ato, con migliaia di famiglie che continuano ad incontrare serie difficoltà per il conferimento quotidiano dell’immondizia, ma addirittura ora arrivano le salate multe dell’Unione Europea per alcune infrazioni che riguardano la mancata bonifica delle discariche comunali esistenti ed antecedenti all’entrata in funzione degli Ato Rifiuti. In provincia di Agrigento, le discariche interessate dal provvedimento europeo sono i siti comunali degli anni ’90, ricadenti nei comuni di Siculiana, di Cammarata e di Racalmuto. Tali discariche, con tanto materiale ancora giacente sotto il sole e le intemperie, sono rimaste abbandonate per oltre un decennio perché la Regione Siciliana non ha erogato i finanziamenti e i Comuni di conseguenza non hanno potuto provvedere alla bonifica. Ora il governo regionale si vede appioppata una multa di 200 mila euro per ciascuna discarica e per un periodo di appena sei mesi. Per le 12 discariche del territorio dell’Isola, in diverse province, la Regione dovrà pagare la somma di quattro milioni e 800 mila euro.
Per i tre comuni agrigentini il governo Crocetta si vede appioppare la multa complessiva di un milione e 200 mila euro che vanno ad aggiungersi ai tre milioni e 600 mila euro che la Regione dovrà sborsare subito per le altre nove ex discariche siciliane non bonificate come quelle di San Filippo del Mela, Leonforte, Augusta, Paternò, Monreale, Mistretta, Cerda e Priolo.
Il provvedimento di richiesta di bonifica da parte dell’Unione Europea risale al 2003, ma in 12 anni incredibilmente tutto è rimasto fermo, Niente finanziamenti e niente lavori di bonifica. Pare che la giunta regionale abbia trovato soltanto oggi le somme di denaro, con un provvedimento dell’assessore Contraffatto, ma in molti si chiedono se serviranno a scongiurare le pesanti sanzioni ?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here