Ribera: Conferenza stampa di Nenè Mangiacavallo e di Giuseppe Ruvolo. Oggetto: i problemi della città.

1215

Nella sala convegni “Emanuela e Giovanni Ragusa” del palazzo comunale, particolarmente gremita, Nenè Mangiacavallo, già candidato a sindaco, e Giuseppe Ruvolo, senatore della Repubblica, assieme ai consiglieri dell’opposizione, hanno tenuto una conferenza stampa durante la quale hanno fatto gli auguri alla cittadinanza e hanno anche fatto il punto sulla situazione politica e amministrativa.
Mangiacavallo ha parlato a tutto spiano delle difficoltà della sanità riberese (chiusura parziale del laboratorio di analisi e della mancata istituzione dei 24 posti di riabilitazione cardiocircolatoria), delle carenze della raccolta differenziata, delle case popolari da ricostruire, del ripetitore di telefonia di Spataro e del servizio di Girgenti Acque ch lascia a desiderare.
Matteo Ruvolo, già consigliere provinciale, si è soffermato sulla richiesta che i consiglieri di minoranza presenteranno al sindaco Pace per la costituzione di parte civile nel processo che si celebrerà contro i vertici di Girgenti Acque (Marco Campione e Giuseppe Giuffrida) per il mancato servizio di depurazione dell’impianto riberese di contrada Torre per il quale i cittadini hanno pagato il canone.
Il senatore Ruvolo si è soffermato ampiamente sulla vicenda dell’istituto musicale Toscanini e sulle sue difficoltà economiche per la mancanza dei finanziamenti e ha spiegato che il governo Renzi, su richiesta del gruppo politico di riferimento, ha assegnato agli istituti musicali italiani 9 milioni di euro per l’emergenza e che lavorerà per consentire la statalizzazione del conservatorio di via Roma.
Emanuele Siragusa ha fatto riferimento, quando era presidente della Provincia Regionale, alla nascita del Toscanini, istituito a Ribera grazie alla determinazione dei consiglieri D’Anna, Ruvolo, Palermo e Siragusa.
Ancora Giuseppe Ruvolo ha spiegato i trascorsi della sua carriera politica, i vari passaggi tra i partiti e la sua decisione di collocarsi sulle posizioni del partito popolare europeo. Infine, i consiglieri Li Voti e Farruggia hanno richiesto all’amministrazione civica di mandare in onda, in tv le sedute del consiglio comunale e al sindaco di non cambiare i giovani assessori per promesse elettorali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here