Ribera: Arriverà un impianto per la produzione di biometano in contrada Donna Vanna ?

1195

Dopo la biomassa, osteggiata e respinta da istituzioni e popolazione, arriverà sul territorio riberese un impianto per la produzione di biometano ? E’ questa la notizia che circola in questi giorni nell’ambiente cittadino e che ha messo in allarme l’amministrazione comunale che sta mettendo le mani avanti per capire se la nuova iniziativa può arrecare nocumento alla città e danno al territorio. Il Comune di Ribera, di fronte al fatto che qualche impresa abbia programmato di presentare un progetto di produzione di biometano da collocare nelle aree di contrada “Donna Vanna”, nelle vicinanze di due sansifici da decenni operanti, al fine di valutare l’impatto ambientale causato dalla presenza di questo impianto che si vuol far nascere nella valle del fiume Magazzolo, dove qualche anno fa doveva sorgere una struttura a biomassa, poi bloccata da proteste e ricorsi a tar e cga, ha dato incarico al dipartimento di Energia ed Ingegneria delle Telecomunicazioni dell’Università di Palermo di effettuare una valutazione tecnica e scientifica per la sostenibilità e compatibilità del territorio con particolare riferimento all’identità agroalimentare e turistica della cittadina.
Indipendente dal responso dello studio che sarà effettuato – secondo quanto si legge in una nota del Comune di Ribera – sarà il consiglio comunale ad assumersi alla fine ogni determinazione in merito alla nascita o alla bocciatura del’impianto. Lo studio, condotto qualche anno fa dalla dott.ssa Livreri, portò alla bocciatura dell’impianto a biomassa per produrre energia elettrica.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO