Ribera: Partono i lavori per la frana di via Giotto-Miramare di Seccagrande

577

Sono già partiti i lavori per eliminare la frana di Seccagrande che ha bloccato in questi anni alcune arterie della porta occidentale della borgata marina e turistica. Una ditta di Favara, che ha vinto la gara di appalto, ha aperto il cantiere tra le vie Giotto e Miramare che erano diventate intransitabili per le autovetture a causa del crollo di un grosso muro di contenimento in cemento armato che ha investito anche alcune abitazioni, per fortuna allora disabitate, e ha fatto franare la sede stradale.
I lavori in corso d’opera dovrebbero consentire nel giro di pochi mesi di eliminare i detriti e le macerie del crollo e di rifare un altro muro di sostegno e di realizzare non solo la strada franata, ma anche le reti idrica, fognaria ed elettrica danneggiata. Si tratta dell’utilizzazione di un finanziamento assegnato al Comune di Ribera del’importo di circa 318 mila euro che l’ente locale ha ottenuto nel quadro dell’accordo Stato-Regione.
La nota positiva del rifacimento dell’opera è data dal fatto che i lavori si svolgeranno in piena stagione invernale per cui nel mese di aprile quando i riberesi, visitatori e qualche turista, torneranno ad abitare nella grossa borgata estiva, non subiranno i disagi di un cantiere ancora aperto, con operai e mezzi meccanici nella stagione delle vacanze.
Alcune famiglie riberesi, che erano state sgomberate a causa della frana, potranno tornare così ad abitare la case di villeggiatura che sono rimaste chiuse per qualche anno a causa della impossibilità di potervi accedere. Le reti dei servizi idrici e fognari erano stati riparati provvisoriamente per consentire il funzionamento a tutto il quartiere. Si ipotizzò allora che a causare la caduta rovinosa del muro di cemento armato siano state le sorgenti sotterranee d’acqua che scendono dalla collina verso il mare. Un buon drenaggio del terreno e il convogliamento dell’acqua in appositi canalette eviterà certamente altri possibili smottamenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here