Montallegro: Il Comune chiede misure di compensazione per la presenza della discarica Matarana

723

Nel territorio dei comuni di Montallegro e di Siculiana, in contrada Matarana, insiste una delle maggiori discariche esistenti dell’Isola, che, nata agli inizi degli anni ‘90 come discarica sub comprensoriale a servizio dei comuni di Cattolica Eraclea, Montallegro e Siculiana, specialmente in questi ultimi anni, in cui l’emergenza rifiuti è una “normalità”, è diventata ricettacolo dei rifiuti dei comuni di mezza Sicilia.
La discarica per Montallegro, secondo le lamentele e i disagi dei cittadini, è causa di notevoli disagi, sia per la vicinanza al centro abitato e sia perchè tutti gli automezzi per arrivarci attraversano il territorio, percorrendo parte del centro abitato per poi immettersi in una strada provinciale che a fatica sopporta l’enorme traffico di autotreni che mettono a rischio l’incolumità di chi la percorre e che lasciano dietro di loro una maleodorante scia di colaticci di percolato.
L’amministrazione comunale ha approvato la delibera n.77 del 22 ottobre scorso della giunta municipale con la quale, al fine di ristorare gli abitanti di Montallegro del disagio patito e di promuovere forme di sviluppo ecosostenibile del territorio, ha ritenuto di approntare un articolato piano di interventi e di misure di mitigazione ambientale, utilizzando le risorse della quota parte degli oneri di mitigazione ambientale spettante al comune di Montallegro sin dal 6 settembre del 2011.
Il piano riguarda l’ attività per opere e interventi di promozione e sostegno della raccolta differenziata: interventi finalizzati alla riduzione dei costi afferenti la gestione integrata dei rifiuti e al ristoro del disagio sociale; abbattimento della tariffa a beneficio dei cittadini; acquisto attrezzature e strumenti per la raccolta differenziata; sostegno e incentivi per le famiglie per promuovere e incentivare la raccolta differenziata.
Il progetto della civica amministrazione, guidata dal sindaco Pietro Baglio, interessa pure le attività culturali e promozionali per la mitigazione ambientale come attività di educazione e formazione per il rispetto del territorio; attività culturali e turistiche di promozione del territorio; contributi alle famiglie per acquisto libri di testo, borse di studio a sostegno delle spese degli studenti pendolari e universitari; interventi di bonifica ambientale su parchi, giardini, ville, aiuole, viali alberati; demolizione immobili fatiscenti, realizzazione di spazi a verde pubblico; screening di tipo oncologico e check-up della popolazione mediante visite di controllo per la prevenzione dell’insorgenza di malattie tumorali.
Il sindaco Baglio: “Con le eventuali somme che ci arriveranno provvederemo alla salvaguardia dei beni culturali e monumentali, alla promozione turistica del territorio e allo sviluppo delle attività economiche e turistiche”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO