Ribera: Guerra tra dipendenti, sindacato e amministrazione comunale

1139

Non è ancora una guerra dichiarata tra i dipendenti comunali, il sindacato della Cgil e l’amministrazione comunale relativamente al tavolo di concertazione del contratto nazionale di lavoro dei lavoratori degli enti locali. Il sindacato giudica estremamente grave la situazione, esprime preoccupazione per i disagi dei lavoratori, annuncia da qualche giorno lo stato di agitazione dei dipendenti comunali, comunica l’avvio della procedura di raffreddamento, chiede un tavolo di conciliazione e paventa la proclamazione dello sciopero della categoria.

A sostenere le istanze dei lavoratori è la Cgil con il responsabile provinciale Alfonso Buscemi  il quale ha annunciato di avere scritto sulla vicenda una nota al prefetto di Agrigento Diomede, al sindaco di Ribera Pace e alla commissione di garanzia di Roma. Il sindacato e i lavoratori, con note del 24 aprile e 17 giugno scorso sollecitavano la discussione sul FES 2015, richiedendo la convocazione del tavolo di contrattazione decentrata, in data 11 maggio, 29 Giugno e 24 luglio 201, richiedendo l’attivazione della concertazione.

E’ stata  richiamata più volte l’attenzione dell’amministrazione comunale sulla mancata dotazione dei Dispositivi di Protezione Individuale, essenziali ed obbligatori per lo svolgimento di particolari mansioni e il fatto che  i dipendenti non hanno ancora riscosso le somme relative agli istituti obbligatori (turnazione, reperibilità) per prestazioni orarie di lavoro già effettuate a partire dal mese di gennaio a tutt’oggi. Il sindacato oggi valuta l’indizione dello sciopero, dopo il forfait della procedura di raffreddamento.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here