Ribera: Si mobilitano le forze politiche per l’ospedale

953

La notizia rimbalzata da Roma, dal ministero della Salute, circa la bocciatura del piano sanitario della Regione Sicilia che prevede la chiusura soprattutto dei piccoli ospedali, ha messo in allarme le forze politiche e amministrative riberesi che temono la chiusura del nosocomio di zona che serve una popolazione di una dozzina di comuni del distretto sanitario che fa capo a Ribera. Il capogruppo della lista Ribera Paolo Caternicchia ha chiesto la convocazione dei capigruppo delle varie forze politiche presenti nel civico consesso per valutare la possibilità di convocare un consiglio comunale straordinario che si occupi della vicenda ospedaliera. Ha sensibilizzato pure la deputazione siciliana: Cascio, Fontana, Marinello e La Via.

Il presidente del civico consesso ha dato appuntamento ai responsabili delle forze politiche per domani, alle ore 10,30, al palazzo comunale per capire quali iniziative intraprendere per affrontare una strada che si fa sempre più stretta per la salvaguardia della struttura sanitaria della circonvallazione. La preoccupazione è viva, anche tra gli utenti, perché si teme che, nella estrema eventualità di tagli alla rete ospedaliera, il nosocomio riberese è il più piccolo della provincia, dopo Agrigento, Canicattì, Licata e Sciacca.

L’on. Salvatore Cascio, componente della VI Commissione Sanità dell’Ars, ha fatto sapere di avere chiesto una convocazione urgente e un incontro con l’assessore regionale Baldassare Gucciardi e di considerarsi ottimista sulla vicenda le cui difficoltà sarebbero facilmente superabili.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here