Ribera: Per il maltempo il Comune chiede lo stato di emergenza

1081

Il comune di Ribera chiederà lo stato di emergenza per i gravi danni causati dal nubifragio che giovedì mattina ha investito la città e il territorio. Questa richiesta è venuta fuori ieri mattina dal vertice che si è tenuto al palazzo comunale durante il quale è stato tracciato il bilancio dei danni e sono stati predisposti gli interventi più urgenti da adottare per fare tornare vivibile la cittadina. L’amministrazione comunale sin da ieri mattina, grazie alla collaborazione del corpo della polizia municipale, della protezione civile e degli operatori dell’ufficio manutenzione, ha messo in moto la macchina tecnica per eliminare quanto costituiva un pericolo per la popolazione.

DSC_0310

Sono stati liberati gli ingressi delle scuole superiori della circonvallazione per far defluire l’acqua piovana e per consentire il rientro in classe degli studenti. Sono stati raccolti decine e decine di contenitori dei rifiuti che la furia delle acque ha trascinato da un quartiere all’altro. Le strade sono state liberate da grossi pezzi di asfalto scucito che ha lasciato tante buche nelle arterie. E’ stato rimosso il tufo del muro di sostegno che ha ostruito parte della carreggiata della SS 386, all’ingresso sud della cittadina.

Molti e costosi interventi restano ancora da fare perché bisogna ripristinare l’asfalto di tante strade, tra cui le principali, è necessario rimuovere una gran quantità di detriti sparsi ovunque, si rende urgente ricostruire i muri di cinta abbattuti delle due scuole superiori, rimettere a posto la segnaletica stradale ed aiutare decine e decine di famiglie che hanno avuto gli scantinati e i garage, con dentro le autovetture, allagati dalla copiosa acqua, dai 90 millimetri di pioggia caduti su Ribera in circa un’ora.

“Chiediamo ai cittadini – afferma il sindaco Carmelo Pace  – di volere segnalare alla polizia municipale e all’ufficio manutenzione i danni subìti, chiederemo lo stato di emergenza perché il Comune non ha tutti i soldi per effettuare le riparazioni più urgenti”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here