Bivona: Finanziamento di due milioni e 200 mila euro della Smap per 13 comuni agrigentini

1024

La società di gestione dei patti territoriali “Magazzolo – Platani ”
Smap ha finanziato, con la prima trance dell’economia del patto territoriale generalista, dodici opere pubbliche per tredici comuni per un importo oltre due milioni e 200 mila euro, su 40 milioni di euro del decreto di finanziamento del patto territoriale generalista “Magazzolo Platani” del 21 Marzo 2001.
Il comune di Casteltermini per volontà unanime del consiglio di amministrazione della Smap spa ha avuto la quota maggiore  di risorse della rimodulazione ossia 460 mila euro il primo lotto  della miniera “Cozzo Disi” , che sarà aperta ai turisti e alla fruizione pubblica. Proprio in questi giorni alla fiera del turismo di Rimini il distretto turistico Monti Sicani Valle del Platani Smap, a cui aderisce il comune di Casteltermini , ha un proprio stand per promuovere il territorio e la miniera, importante attrattore turistico dei Sicani.

È stato finanziato un lotto funzionale della strada Bivona – Palazzo Adriano che attraversa il Parco dei Monti Sicani , per un importo di 300 mila euro. 150 mila euro sono stati assegnati ad ogni comune della Smap. Alessandria della Rocca realizza una struttura al servizio delle imprese agricole nell’ ex macello. Santo Stefano Quisquina crea l’illuminazione nelle zone artigianali. Viene migliorata la circonvallazione di San Giovanni Gemini, così come il comune di Burgio procederà alla sistemazione della strada esterna Dragotto . Nell’area del piano degli investimenti produttivi di Cianciana verrà realizzata una isola ecologica. Altre strade di interesse per le imprese verranno realizzate a San Biagio Platani e a Sant’Angelo Muxaro , Cammarata e a Villafranca Sicula la piazza Belvedere.  Il comune di Lucca Sicula interverrà nella ristrutturazione in un edificio storico pubblico.

Bivona panorama montano
La Smap, che ha sede a Bivona e il cui presidente è il sindaco della città Giovanni Panepinto, nasce nel maggio del 1999 per gestire come soggetto responsabile i Patti Territoriali , ente generalista e agricolo. Oltre cento nuove aziende sono nate con i due patti.  Ha promosso e gestito il Pist (piano integrato sviluppo territoriale) , il Pit (piano integrato territoriale), il distretto del settore lattiero caseario, il distretto turistico Monti Sicani Valle del Platani. La Smap ha sostenuto finanziariamente l’imprenditoria locale con la nascita ventisei caseifici, dieci alberghi, tre centrali ortofrutticole e diverse opere pubbliche per oltre ottantamilioni di euro. “Adesso la nuova sfida – afferma Giovanni Panepinto – riguarda il turismo, l’energia e la nuova programmazione 2014-2020”.

riserva monte Carcaci 3

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here