Ribera: Si spacca la minoranza consiliare

1346

Si spacca la minoranza consiliare al palazzo di città. Su ben otto consiglieri che si trovano all’opposizione, forse anche quattro non si riconoscerebbero nel progetto comune che li ha visti alleati, seppure in liste diverse, con l’eccezione del Pd, nel sostenere il candidato sindaco Nenè Mangiacavallo contro il primo cittadino vincente Carmelo Pace. Nell’ultima riunione del civico consesso era stato il consigliere Liborio D’Anna a ribadire la sua appartenenza al Pd e di riconoscere come leader i dirigenti locali, provinciali e regionali del partito.

Quattro giorni dopo, una nota del consigliere Benedetto Vassallo, eletto nella lista “Ribera Svolta”, evidenzia la sua presa di posizione e polemizza con il consigliere di maggioranza Paolo Caterinicchia, che lo incalzava sulla sua collocazione politica, con l’affermazione che “gli unici leader che riconosco sono i cittadini”. Vassallo afferma di privilegiare un dialogo costruttivo con le forze di opposizione, ma precisa che non esiste un’alleanza organizzata fatta di regole condivise, rispetto dei ruoli e di progettualità futura e che è opportuno aprire un dialogo fra tutte le forze politiche e sociali della città per costruire un progetto condiviso per la costruzione della futura classe dirigente. Alla conferenza stampa di ieri mattina dell’ex sottosegretario di Stato e candidato a sindaco Nenè Mangiacavallo erano assenti i due consiglieri Gioacchino Turano e Federica Mulè vicini al senatore Giuseppe Ruvolo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here