Santo Stefano Quisquina: I sindaci della montagna e la deputazione al Senato per dire no alla soppressione del punto nascite della clinica Attardi. Il comunicato del senatore Marinello.

490

Martedì presso gli uffici del Senato della Repubblica si è svolto un incontro voluto dal senatore Giuseppe Marinello a cui hanno partecipato i deputati Nino Bosco, Angelo Capodicasa e Maria Iacono, il capo di gabinetto del Ministero della salute dott. Tinè e una delegazione della zona della Quisquina guidati dal sindaco Francesco Cacciatore di S. Stefano Quisquina, il sindaco di Alessandria della Rocca Alfonso Frisco, l’assessore Milko Cinà del comune di Bivona, rappresentanti del comune di Cianciana e della clinica Attardi di S. Stefano Quisquina.

Presente anche il dottor Renato Botti direttore regionale per la programmazione sanitaria.

Nel corso dell’incontro sono state esaminate le problematiche derivanti dalla chiusura del punto nascita di S. Stefano Quisquina, sono state ribadite le condizioni peculiari dell’area del quisquinese e delle aree interne che gravitano sulla clinica Attardi con particolare rilievo alla viabilità che versa in disastrose condizioni e che soprattutto nei mesi invernali porta un vasto hinterland della Sicilia in una condizione di sostanziale isolamento.

Questo, unitamente ad altre valutazioni fanno parte di documentazione che è stata presentata al Ministero della salute e che sarà rappresentata all’assessore regionale Baldo Gucciardi.

La deputazione nazionale si è fatta carico di un imminente incontro proprio con Gucciardi anche al fine di scongiurare la soppressione dei servizi ostetrico-ginecologico previsto entro il 30 settembre

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here