Ribera: Si scatena la guerra su fb e nascono le critiche politiche per una frase del sindaco

2159

Una frase del sindaco Carmelo Pace, ritenuta offensiva nei confronti dei riberesi, scatena la guerra su facebook e fa nascere forti critiche politiche da parte di qualche consigliere comunale dell’opposizione. Il primo cittadino, durante una delle serate di Pizza Fest, in occasione del concerto di Fausto Leali, è salito sul palco del lungomare Gagarin di Seccagrande, e, intrattenendo il cantante e parlando dei testi delle canzoni di Amedeo Minghi, con una battuta, ha detto che alcuni suoi concittadini sono come i testi di Minghi.
La frase è stata ripresa dai media che l’hanno riportata sulla stampa e soprattutto su facebook si è scatenata una guerra di opinioni, molte contro l’uscita ritenuta infelice del sindaco Pace e altre a favore del primo cittadino che non avrebbe voluto offendere i suoi concittadini. Lo stesso Pace pare che abbia dichiarato che i suoi concittadini sono come i testi di Amedeo, nel senso che, come il cantautore, i pezzi se li scrivono da se stessi.

Amedeo Minghi a Seccagrande 1
La verità è che l’improvvisa sortita del sindaco, forse per quanti hanno criticato lo svolgimento della manifestazione di Pizza Fest, è stata ritenuta un’offesa per tutta la città. Si fa interprete delle critiche il consigliere comunale Benedetto Vassallo che, del gruppo Il Megafono, ha diffuso nella giornata una dura nota di biasimo nei confronti del sindaco Pace, con una richiesta perentoria al primo cittadino di chiedere scusa ai suoi concittadini.
“ Chi riveste ruoli istituzionali – scrive vassallo – ha l’obbligo civile e morale di dare il buon esempio e di educare al rispetto delle norme e delle idee di tutti. Che messaggio giunge ai giovani dal proprio Sindaco che non rispetta le regole e insulta pubblicamente chi non la pensa come lui? Invito Carmelo Pace ad acquisire consapevolezza e rispetto del proprio ruolo, ad evitare di far cadere nel ridicolo la più importante carica istituzione della città ed a chiedere scusa, non ai suoi critici, ma ai suoi concittadini. Ribera non merita tutto questo”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here