Ribera: Ponte Verdura, prima dell’inizio dei lavori, bisogna eseguire bonifica bellica e saggi archeologici

903

Il cantiere di lavoro sulla strada statale 115 è già aperto, ma la costruzione del nuovo ponte sul fiume Verdura non avrà inizio fino a quando l’impresa, che ha vinto la gara di appalto, non avrà effettuato la bonifica bellica del territorio sulla cui area dovrà passare il tracciato del ponte e non avrà realizzato gli assaggi archeologici previsti sul terreno interessato dall’opera pubblica. Lo hanno annunciato nei giorni scorsi l’ing. Salvatore Tonti, massimo dirigente del comparto dell’Anas in Sicilia, e Cristina Chianti, responsabile dell’impresa appaltatrice LC srl di Alcamo, durante una conferenza stampa che si è tenuta a Seccagrande per fare il punto della situazione.
L’ing. Tonti ha tenuto espressamente a precisare che i lavori della costruzione del nuovo ponte dureranno precisamente 365 giorni come previsto dal capitolato di appalto e per ogni giorno di ritardo saranno applicate delle sanzioni pecuniarie all’impresa. Il vecchio ponte sarà in buona parte abbattuto, ma sarà mantenuta una spalla per permettere l’ingresso dei proprietari all’interno delle loro aziende agricole. La nuova via di comunicazione verrà a costare oltre quattro milioni di euro finanziati da Stato e Regione e consentirà di mantenere e migliorare i collegamenti tra i territori delle province di Agrigento, Trapani e Palermo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here