Caltabellotta: Si conclude al Museo Civico la mostra “Tessere”

608

Nell’ambito delle iniziative culturali programmate per l’estate caltabellottese, domenica 16 agosto 2015, alle ore 19,00 presso il Museo Civico di Caltabellotta, si è tenuta la presentazione della mostra internazionale di fotografia d’autore denominata : “TESSERE”- tratti d’Europa , realizzata dal Gruppo Sintagma e curata dall’architetto Giovanni Giannone. Gli scopi socio-culturali ed i contenuti artistici dell’iniziativa sono stati presentati dallo stesso architetto.
La mostra vedrà come giornata conclusiva il 31 agosto, ricorrenza della famosa Pace di Caltabellotta del 1302. Infatti in questa giornata conclusiva presso il Museo Civico “Palazzo della Signoria” alle ore 20 ci sarà la proiezione di un video passando tra un estremo e l’altro dell’Europa che racchiude una molteplicità di popoli,lingue, culture,storie diverse.
La mostra registra la presenza di Esko Aarre Ahtio, fotografo finlandese, nativo di Helsinki ma residente a Turku; Guido Giannone, Milano; Roberto Miata e Anna Rizzuti, Palermo e Natù, Roma.
La fotografia è l’arte che con più immediatezza di altre si presta al racconto. Sospesacom’è tra rappresentazione “obiettiva” ed interpretazione emozionale, dà immediatamente conto delle esaltanti differenze che caratterizzano la nostra Europa e le sue genti che, ci auguriamo, un giorno possano consapevolmente costituire un unico popolo fatto di popoli.
In un frangente così difficile e preoccupante, nel quale corriamo seriamente il rischio di vedere naufragare quell’idea d’Europa cara ai nostri Padri (Altiero Spinelli in primis, che la concepì nell’esilio di Ventotene pensandola basata sulla solidarietà e l’uguaglianza tra le nazioni e le genti), questa mostra, mette in luce i contrasti e le sorprendenti similitudini evidenziate dagli artisti fotografi in quattro sessioni tematiche:
Paesaggi di terra e di acqua; paesaggi culturali e sociali; paesaggi umani e urbani,paesaggi immaginali.
Sono visioni “raccolte” in immagini che, dal nord della Lapponia al sud delIa Sicilia, danno conto di quel caleidoscopio che costituisce l’Europa delle multi – identità, sintesi simbolica della biodiversità culturale che rappresenta il tratto più rilevante e la maggiore delle qualità del continente più piccolo ma, al contempo, più prezioso del pianeta.
Il curatore della mostra è l’ arch. Giovanni Giannone.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here