Santo Stefano Quisquina: Convocati 15 consigli comunali per la chiusura del punto nascite

559

Sarà una seduta fiume e allargata a 15 consigli comunali dei paesi dell’interno montano quella che è stata convocata per il 30 agosto prossimo. Il presidente del consiglio comunale di Santo Stefano Quisquina, Enzo Greco Lucchina, ha convocato in seduta aperta, urgente e straordinaria il civico consesso con all’ordine del giorno la discussione sull’annunciata chiusura del punto nascite presso la Casa di Cura “Ignazio Attardi” a partire dal prossimo 1° ottobre.
La riunione, alla quale prenderanno parte una quindicina di amministrazioni comunali dei paesi delle province di Agrigento e Palermo (Santo Stefano Quisquina, Bivona, Alessandria della Rocca, Cianciana, San Biagio Platani, San Giovanni Gemini, Cammarata, Villafrnca Sicula, Burgio, Lucca Sicula, Castronovo di Sicilia, Lercara Friddi) si svolgerà martedì prossimo, alle ore 10, non nella sala consiliare del palazzo comunale stefanese, bensì nello spiazzale davanti l’ospedale di Santo Stefano, sulla via Nazionale.
Secondo le direttive nazionali del Ministero della Salute, il punto nascite dovrà chiudere tra un mese perché non registra nel comprensorio montano le 500 nascite in un anno. Si sta preparando anche la mobilitazione di tutti i paesi della montagna le cui popolazioni agrigentine e palermitane protesteranno con una forte manifestazione unitaria per il taglio del servizio sanitario.
“La chiusura del punto nascite a Santo Stefano – ci dicono il sindaco Francesco Cacciatore e il presidente del civico consesso Enzo Greco Lucchina – avrà risvolti deleteri per le gestanti, per i nascituri e per la popolazione in genere perché la viabilità del territorio montano è molto precaria e pericolosa. Per raggiungere in fretta gli ospedali di Sciacca, Agrigento e addirittura di Palermo occorrono anche ore di viaggio in macchina su strade del secolo scorso. Per questa ragione, deve essere mantenuto il punto nascite”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here