Teatri di pietra: Stasera in scena l’ “Elettra” di Giliberti

680

Stasera alle 21,15 nell’area archeologica di Eraclea il palcoscenico davanti al teatro ospiterà l’ultima replica di “Quando Elektra Muore”, suite in quattro quadri da Hugo Von Hofmannstahl, di cui firma regia e drammaturgia Manuel Giliberti.” Elektra” di HugoVon Hofmannstahl è un testo che, pur risentendo delle influenze della interpretazione goethiana della tragedia greca, non è esente dallo spirito della Vienna fervidamente intrisa degli studi di Freud e di Breur. E’ interessante oggi ripercorrere questa scrittura dove i temi ricorrenti divengono simboli ossessivi: il sogno e il suo significato, il rapporto edipico, la tentazione incestuosa tra le due sorelle, la vendetta attraverso l’assassinio rituale , a segregazione non solo fisica ma mentale. In “Quando Elektra muore” la materia incandescente delle follia e della conseguente lucidità si compone sotto in fissità improvvise, in accenni di danza trattenuta, in una sorta di delirante attonita passione.. La sfortunata figlia di Agamennone muove così le spirali di una follia dionisiaca che la fulminerà alla fine. Le scene e i costumi sono di Rosa Lorusso, le musiche di Antonio Di Pofi, con gli attori con Carmelinda Gentile, Giuliana Di Stefano, Cecilia Mati Guzzardi, Claudia Bellia, Laura Ingiulla, Deborah Lentini, Vladimir Randazzo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here