Ribera: Il documento finale delle organizzazioni professionali su acqua, irrigazione e personale del consorzio di bonifica 3 Agrigento

591

Come programmato, oggi 07 Agosto, s’è svolto l’incontro tra le OO.PP.agricole agrigentine e l’Amministratore straordinario del Consorzio di Bonifica 3 Agrigento. L’incontro svoltosi nella Sala Giunta del comune di Ribera, presenti il Sindaco, l’Assessore agricoltura ed il Presidente del Consiglio, il deputato regionale, locale, Cascio ed il vice commissario del Consorzio Aquè, è scaturito dalla denuncia sullo stato di ingovernabilità del Consorzio stesso, avanzata dai Comitati Zona della C.I.A., Coldiretti ed U.P.A. di Ribera.
Dopo un’intenso confronto che ha visto gli interventi dei Dirigenti delle Oo.Pp. di Naro, Menfi e Ribera, nonchè del Direttore Prov.le della Coldiretti e dei Dirigenti Prov.li della C.I.A., del Sindaco di Ribera e dell’On.Cascio, il Commissario del Consorzio Dott: Paolo Mascellino, insediatosi da due giorni, ha garantito:
– l’erogazione dell’acqua per l’irrigazione, senza alcuna restrizione, nelle more di un prossimo tavolo tecnico di confronto, che sarà convocato dal Consorzio e nel quale sarà affrontata la problematica relativa ai ruoli di saldo 2012 e 2013;
– piena collaborazione con le Organizzazioni Professionali per la programmazione di opere atte a superare le disfunzioni attuali, al rilancio ed al rinnovo dell’intera rete irrigua provinciale, alla luce dei programmi di investimenti Comunitari e Nazionali per l’agricoltura ed il mezzogiorno d’Italia.
– l’impegno a risolvere, con la massima sollecitudine, il contenzioso con i dipendenti per riportare la serenità tra il Consorzio, il personale e gli utenti, che vivono con trepidazione e tensione, questo stato d’incertezza che caratterizza l’attuale fase.
Infine si è convenuto di chiedere alle forze politiche ed al Governo Regionale tutto, anche con apposite iniziative unitarie, che coinvolgano le stesse Amministrazioni Comunali interessate, di rivedere la norma, varata in sede di finanziaria regionale, che prevede entro il 2020 l’autofinanziamento della Bonifica Siciliana.
Infatti è stato da più parti sottolineato che nessuna coltura e nessuna azienda agricola, grande o piccola che sia, è in grado oggi di sopportare oneri di produzione, quale il peso dell’irrigazione, senza l’intervento determinante della Regione.
Ribera 07/08/2015

p. Le Organizzazioni
Giovanni Caruana

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here