Cianciana: Il consigliere comunale Massimo D’Angelo scrive all’Anas per la frana alle porte della cittadina

493

La frana che si trascina ormai da mesi è stata oggetto nei giorni scorsi di una lettera che il consigliere comunale e dell’Unione dei Comuni “Platani-Quisquina-Magazzolo” ha scritto all’Anas di Palermo e per conoscenza ai presidenti del civico consesso ciancianese e dell’Unione dei Comuni. Si tratta della frana che insiste sulla strada statale 118, proprio sul lato nord del paese, al km 101 + 200. Ecco per intero il testo della lettera di protesta del consigliere D’Angelo.
“In riferimento a quanto meglio specificato in oggetto si prende atto di un intervento effettuato il data odierna da parte di due operai ANAS i quali muniti di pale e semplice sabbia bianca cercavano di alleviare lo smottamento del manto stradale, causato dalla frana.
Si ritiene inaccettabile da parte dell’ANAS un intervento di tale esiguità, che nel giro di qualche ora vedrà la sabbia, al transitare degli autoveicoli, cospargersi su tutto il manto stradale rendendolo oltremodo insicuro.
Ormai da diversi anni tale frana insiste alle porte del nostro territorio ed onestamente al di là di interventi come quello sopra descritto si è visto ben poco; siamo mortificati nel vedere gli automobilisti che nell’intento di scansare gli avvallamenti provocati dalla frana effettuano manovre pericolose per loro e per gli altri; siamo stanchi di avere come biglietto da visita per chi ci viene ad onorare della loro presenza, un ingresso al centro abitata così abbandonato e pericoloso.
Si chiede pertanto alle SS.VV. di intervenire verso le competenti autorità al fine di ottenere un serio intervento di manutenzione di tutto il tratto stradale interessato dagli smottamenti, un intervento tendente alla risoluzione definitiva di tale problema e non ad un rattoppo di poche ore”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO