Ribera: Terza visita dei ladri al museo etnoantropologico – Non portano via nulla

678

La grande porta in ferro, bloccata da grossi lucchetti, continua a giocare un brutto scherzo ai ladri che continuano ad introdursi all’interno del museo della civiltà contadina, posizionato all’interno della villa comunale, nell’ex salone dei convegni. Nella notte a cavallo tra lunedì e martedì, ignoti si sono introdotti dentro i locali, scavalcando il muro di tre metri di altezza, salendo sul tetto, sollevando le larghe lastre plastificate che danno luce all’ingresso e penetrando nel grande salone dove sono esposti migliaia di reperti della civiltà etnoantropologica locale.
Ad accorgersi dell’ingresso dei ladri, che per fortuna non hanno portato via proprio nulla, è stato il prof. Giuseppe Puma che da decenni cura la raccolta degli oggetti e l’apertura della struttura museale cittadina. “Ho trovato un po’ di confusione dappertutto – ci dice ieri mattina – tanti reperti agricoli ed artigianali sono stati spostati dalla loro originaria collocazione, ma non sono stati danneggiati. Vi sono pure segni di un bivacco notturno. Ho informato le istituzioni e soprattutto ho presentato denuncia contro ignoti all’Arma dei carabinieri”.
Proprio sul tetto del museo campeggia una telecamera del Comune che avrà certamente ripreso le immagini, oggi al vaglio degli inquirenti, di quanti si sono introdotti dentro il museo. E’ la terza volta che i ladri visitano la struttura museale. Precedentemente avevano riempito un grosso sacco con numerosi reperti da portare via, ma non sono riusciti a farlo passare attraverso il tetto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here