Ribera: Biagio Conte, il missionario laico palermitano, è in città. Porta la croce e parla di speranza

2433

Biagio Conte, il missionario palermitano che da oltre un quarto di secolo si occupa dei poveri, da ieri pomeriggio è a Ribera per incontrare i fedeli, i cittadini, quanti sono animati dallo spirito e volontà di fare bene al prossimo. E’ arrivato, da Montallegro, nella città delle arance a piedi, portando assieme ad un ragazzo di colore della sua comunità palermitana, la croce di legno, a spalla.
Come un pellegrino, è stato accolto nella chiesa madre dall’arciprete don Giuseppe Maniscalco, ha incontrato alcuni amici e diversi parrocchiani, ha alloggiato nei locali della chiesa e stamattina, alle ore 9,00, prende parte alla messa. Biagio Conte sta attraversando un intenso momento penitenziale, nel nome del Signore, è pellegrino nelle varie città della Sicilia, si ferma nelle chiese madri, incontra e prega con i fedeli. Ha in programma di visitare tutta l’Isola e di portare il messaggio di Cristo. Lo scopo dell’intenso viaggio è quello di diffondere il messaggio della speranza.
Visiterà il cimitero di Ribera e nella tarda mattinata partirà a piedi, portando a spalla la croce, per Sciacca, percorrendo la strada statale 115. La sua vita si racchiude nella missione palermitana.

Biagio Conte a Ribera con Enzo Minio
La Missione di Speranza e Carità nasce nel 1991, sotto i portici della stazione centrale della città di Palermo ad opera di fratel Biagio Conte, missionario laico.
Il carisma della missione è l’accoglienza e il donarsi ai nuovi poveri delle città ovvero a tutti quelli che rimangono indietro e ai margini di questa società così indifferente; vengono chiamati barboni, vagabondi, giovani sbandati, alcolisti, ex detenuti, separati, prostitute, profughi, immigrati, ma in missione si chiamano tutti fratello e sorella senza alcuna distinzione.
Attualmente la missione accoglie ed assiste circa 800 persone in tre comunità: due destinate all’ accoglienza maschile e una per l’accoglienza di donne singole o mamme con bambini.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO