Ribera: Le liste e gli assessori del candidato sindaco Nenè Mangiacavallo

1972

Con una “convention” all’americana, il candidato sindaco ha fatto conoscere alla cittadinanza i componenti delle tre le liste che lo appoggiano e ha presentato i due assessori ch lo collaboreranno nella gestione della cosa pubblica. Parliamo di Nenè Mangiacavallo e delle sue tre liste: “Amici di Nenè Mangiacavallo”, “Ama la tua città” e “Ribera Svolta”.
Si tratta di tre liste civiche nelle quali non spuntano gli emblemi dei partiti e che contengono complessivamente 60 aspiranti consiglieri comunali. La prima lista fa riferimento all’ex sottosegretario di Stato alla Sanità e ai Lavori Pubblici, la seconda ha come riferimento il senatore riberese Giuseppe Ruvolo e la terza è collegata all’ex sindaco Giuseppe Brisciana, all’ex consigliere provinciale Matteo Ruvolo e al consigliere comunale uscente Benedetto Vassallo. In una delle tre liste, quella di “Ama la tua città”, si registra la presenza di tre consiglieri comunali uscenti. La nota politica curiosa è data dall’accordo con Mangiacavallo del senatore Ruvolo che ha rotto da oltre un anno l’alleanza con il nipote Carmelo Pace.
Il candidato sindaco Mangiacavallo, che nei primi anni ’90 è stato sindaco di Ribera, ha indicato i primi due assessori che si dovranno aggiungere agli altri due ancora da nominare. Si tratta dell’avvocato Matteo Ruvolo e della professoressa Giuseppina Pandolfi in Schillaci. Consiglieri e assessori erano presenti l’altra sera in un noto locale cittadino dove per la presentazione ufficiale del programma elettorale sono arrivati da Roma il generale dei carabinieri in pensione il riberese Giuseppe Tavormina e dal Canada il presidente della Camera di Commercio italo-canadese Emanuele Triassi.
Tra gli argomenti che emergono dal programma del candidato sindaco Maniacavallo ai primi posti della graduatoria figurano i problemi dei costi dell’acqua potabile ritenuti esosi e del taglio del servizio idrico agli utenti morosi e la raccolta dei rifiuti solidi urbani il cui regolamento comunale, risalente al 1994, ha bisogno di una modifica per far diminuire i costi. Mangiacavallo si sofferma sull’agricoltura che ritiene il settore portante dell’economia locale che non riesce a decollare sia per la precaria rete viaria rurale e sia per l’ulteriore balzello dell’Imu agricola.
“I riberesi – ha detto il candidato sindaco – al momento chiedono la vivibilità e la normalità in un paese dove i cittadini devono tornare ad essere protagonisti. Gli amministratori dovranno tagliare drasticamente le loro indennità”

Mangiacavallo Nenè

Ruvolo Matteo

Pandolfi Giuseppina 2

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here