Ribera: La città in emergenza per la mancata raccolta dei rifiuti bloccati dalla chiusura della discarica

846

La città da ieri mattina è in emergenza perché gli operatori ecologici non raccolgono i rifiuti solidi urbani in quanto hanno i mezzi pieni e stracarichi e non sanno a quale discarica rivolgersi per conferire l’immondizia, a causa della chiusura del sito di Sciacca. I mezzi si trovano fermi da 24 ore nell’isola ecologica di contrada “Scirinda”, a Ribera. Gli operai hanno chiuso i cancelli del centro di raccolta perché non sanno più dove mettere i rifiuti.
La prima conseguenza è stata il blocco ieri mattina della raccolta che a Ribera funziona da anni con il sistema porta a porta, essendo stati eliminati i cassonetti. E’ successo che i contenitori di plastica con l’immondizia si ritrovano per strada davanti alle abitazioni e tanti sacchetti penzolano con i lacci dai balconi degli stabili. Si rischia l’emergenza sanitaria perché gli utenti o tengono in casa per qualche giorno i rifiuti o li devono ammassare fuori davanti la porta di casa, nei sacchi di plastica o nei piccoli contenitori già ricolmi.

Ribera I rifiuti davanti alle abitazioni FOTO MINIO
Il sindaco Carmelo Pace ha diffuso un comunicato ieri pomeriggio con il quale invita i cittadini a non esporre, almeno per oggi, i rifiuti davanti alle proprie abitazioni perché il gran caldo di questi giorni e forse anche cani e gatti randagi, rovistando nei sacchi, potrebbero mettere a rischio la salute pubblica. Il primo cittadino ha investito del grave problema sanitario il prefetto di Agrigento Nicola Diomede al fine di trovare la soluzione a livello regionale, data che la competenza in materia è della Regione Siciliana.
La discarica di Sciacca è chiusa, quella di Siculiana è quasi al limite per cui serve capire dove e come potere conferire i rifiuti. La preoccupazione dei cittadini è notevole non solo per ragioni sanitarie d’emergenza, ma anche per i costi del servizio che potrebbero aumentare parecchio se i rifiuti dovessero essere scaricati in discariche lontane dall’Agrigentino.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here