Ribera La comunità Masci scrive una lettera aperta  ai candidati sindaci 

1145

Ci avviciniamo alla data delle elezioni amministrative e noi Adulti Scout, membri della Comunità MASCI di Ribera, non nascondiamo la nostra preoccupazione: il clima di sfiducia verso le istituzioni è ai massimi livelli. Parlando con le persone si può toccare con mano il disinteresse, l’apatia, a volte l’ostilità nei confronti di chi gestisce la “cosa pubblica” e di chi fa politica. Si dice “sono tutti uguali”, “hanno rubato e rubano tutti”, “fanno finta di litigare ma poi sono tutti d’accordo” ….
Questo atteggiamento ha sicuramente delle ragioni fondate. Il degrado, anche morale, che vede coinvolti alcuni esponenti della cosa pubblica, è visibile a tutti. Degrado dal quale non sono esenti anche molti settori della società civile.
Noi siamo però convinti che non possiamo rassegnarci alla situazione attuale, non facendo distinzioni di colore politico, proprio perché siamo nati per capire, comprendere, approfondire ciò che ci sta intorno e nel caso criticare o promuovere. Siamo sicuri che la “buona politica” c’è, esiste ancora. Esistono persone che si impegnano per migliorare la propria città, solo per “spirito di servizio”, punto di riferimento presente nel nostro Statuto. A livello locale crediamo quindi che impegnarsi per il “bene comune” di Ribera sia possibile e auspicabile e che giusto e doveroso sia il “controllo” che ogni cittadino deve esercitare sulla persona e sul partito per cui ha votato.
Detto questo vorremmo essere movimento di discernimento:
“Quale” candidato-sindaco vogliamo che guidi questa città ?
In questo clima di “estremo rifiuto” nei confronti della politica chiediamo alcuni precisi impegni sui valori etici, sia ai candidati sindaci sia ai candidati consiglieri comunali che condivideranno il programma del futuro Primo Cittadino.
Il candidato-sindaco secondo noi deve avere un profilo etico-politico corrispondente a queste indicazioni:
1. onestà di intenti, serietà di comportamenti (coerenza tra proposte ed azioni), trasparenza “etica” nelle decisioni pubbliche.
2. capacità di “fare squadra” con i suoi collaboratori;
3. capacità di ascoltare le persone nel dialogo costante con i cittadini sui problemi della città;
4. capacità di individuare soluzioni adeguate per le problematiche amministrative più urgenti.
5. capacità risolutiva fondata su una forte determinazione ad affrontare i singoli problemi.
6. volontà politica a proporre un Programma amministrativo realizzabile, ma nello stesso tempoimpegnativo, dimostrando coerenza tra il programma proposto e le azioni concrete.

A nostro avviso i problemi più urgenti sono il disagio giovanile, le nuove povertà e la qualità della vita a Ribera.
Per questo chiediamo ai candidati sindaci di privilegiare la soluzione di queste autentiche emergenze attraverso incisivi interventi da parte della nuova amministrazione comunale.
Per tutti questi motivi ai candidati sindaci di Ribera chiediamo:
COMPETENZA ed EFFICACIA AMMINISTRATIVA
La politica locale deve preoccuparsi della gestione ecologica del territorio, attraverso la salvaguardia dell’ambiente e delle risorse, l’educazione a comportamenti rispettosi dell’ambiente, l’incentivazione agli investimenti privati a tutela dell’ambiente, al fine di preservarlo e garantire anche alle generazioni future le medesime potenzialità di accesso e godimento. Beni e luoghi pubblici devono essere tutelati e deve essere garantito l’accesso e la godibilità al più ampio numero possibile di cittadini.
La politica deve anche saper “disegnare” una città a misura d’uomo, prevedendo un’equa distribuzione su tutto il territorio di spazi verdi pubblici e privati, parcheggi, viali alberati curati in modo adeguato.
COINVOLGIMENTO DEI CITTADINI
Compito dell’amministrazione pubblica è  anche quello di provvedere all’educazione civica dei propri cittadini, suscitando interesse e partecipazione ad eventi e manifestazioni pubbliche, richiamandoal rispetto e alla cura dei luoghi pubblici anche da parte dei privati, in modo che i cittadini stessi diventino parte attiva dello sviluppo della società civile.

RICERCA DEL BENE COMUNE
Le singole decisioni devono essere orientate alla ricerca del bene comune, sempre anteposto agli interessi privati e alla ricerca del proprio successo politico. Come bravi padri di famiglia, gli amministratori pubblici sidebbono fare carico di una responsabile, corretta ed onesta gestione della spesa pubblica, coscienti che le entrate fiscali sono il frutto della fatica quotidiana dei contribuenti  nei confronti dei quali devono nutrire profondo rispetto. La corretta ed onesta gestione di tale denaro dovrà garantire la maggiore utilità ai cittadini più deboli per età, salute, status socio-economico.
Nella prossima campagna elettorale noi ci impegniamo a promuovere tra i nostri concittadini un voto responsabile, finalizzato a sostenere i candidati non per “appartenenza”, ma scegliendo tra i vari programmi  il più adatto ad affrontare e cercare di  risolvere i problemi concreti.
Su queste basi e con queste prioritàfin d’ora noi, Adulti Scout di Ribera, come nostro stile, siamo disponibili a collaborare con la futura Amministrazione fiduciosi che una Ribera diversa e migliore è possibile.

                                                                                     La Comunità MASCI di Ribera

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here