Calamonaci: Un successo eccellente di “Venerdì 17” di Antonio Grosso nella locale rassegna teatrale “Premio Giovanni Raffiti”

1923

Sold Out e Standing Ovation a fine spettacolo per “Venerdi 17 “che conquista i cuori degli spettatori del Teatro Comunale di Calamonaci, nella rappresentazione portata sul palcoscenico dall’associazione di produzione “Diaghilev” di Roma e da Antonio Grosso.
Uno spettacolo nello spettacolo, una azione teatrale di prim’ordine, in uno coinvolgente e che è riuscito pienamente a creare una completa amalgama tra spettatori e artisti.
Tutti bravi e all’altezza del ruolo (spesso molto prossimo a materializzarsi e a indurre gli spettatori a partecipare alle dinamiche e meccanismi anche clericali); il ruolo, cucito addosso dall’Autore su se stesso e all’intero gruppo; un gruppo essenziale e sufficiente a rendere una scena risultata in piena evoluzione dall’inizio alla fine con giallo finale compreso.
Complimenti per la resa scenica che è un crescendo all’inverosimile, un crescendo che parte dall’abbandono totale (ciò che è messo a disposizione dei nuovi Sacerdoti) con un crocefisso alle prime battute quasi invisibile e che alla fine domina la scena unitamente ai protagonisti che assumono sempre più spessore partendo da una ingenua “umanità” commovente e coinvolgente.
Eccellenti tutti!!!
Bravo a Enzo Raffiti che ha saputo con il suo sviscerato amore per il teatro e la sua Calamonaci, metterli lì in primo piano con l’orgoglio tutto siculo.
Non può mancare un plauso a chi consente tutto ciò, l’amministrazione comunale che in tempi di magra non trascura, con non comune saggezza, l’arte del teatro.

Venerdì 17 Antonio Grosso 2

 

Foto copertina di Antonio Iervolino