Caltabellotta Città presepe alla XXXI edizione

2060

Caltabellotta è una città presepe ogni giorno per la sua brillante posizione geografica. Lo è maggiormente in occasione del tradizionale presepe denominato “Caltabellotta Città Presepe” giunto alla XXXI edizione. Da anni a Caltabellotta si ripete un avvenimento che affascina i visitatori per la voglia d’immergersi nelle atmosfere create dalla natura, prima che degli organizzatori e dalle scenografie. Natività, luci, musiche, sapori, nei luoghi di incomparabile bellezza le rocce e le antiche stradine proiettano il turista nell’alba dei tempi e i sapori e gli odori accompagnano e scandiscono il ritmo della vita.
Caltabellotta è un presepe. E, in particolare, sono fatte a presepe le vie strette e tortuose del quartiere della “Pietà”, quelle che salgono, abbarbicandosi verso la chiesetta bizantina, un’improbabile costruzione che sembra più una capanna che un luogo di culto, le vie che arrivano alle grotte di San Cono, dove si colloca la natività, in un’ambientazione che richiama la “Stalla di Betlemme”.

Caltabellotta presepe_vivente
“Un’atmosfera mistica e gioiosa – ci dice il sindaco Paolo Segreto – accompagna i visitatori accolti dalle luci, dalle nenie tradizionali delle zampogne e dalle musiche natalizie. I fuochi, le capanne, gli animali, le scene degli antichi mestieri e, qualche volta, una spruzzata di neve, disegnano la cornice propria di un presepe che probabilmente è nulla di più di quelli che si fanno in tante altre parti della Sicilia, ma è impareggiabile per i luoghi stessi nei quali si svolge. Il presepe è stato inserito nel progetto pluriennale “Palcoscenico totale” finanziato dal Ministero dei Beni Culturali ed Ambientali”.
Il 26 dicembre e il 4 e 6 gennaio la manifestazione natalizia si snoderà tra le vie San Francesco, Rocche, Farina, San Pellegrino, e l’itinerario turistico di monte delle Nicchie. Nelle grotte di San Cono è prevista la rappresentazione della natività. Sono in programma le degustazioni di prodotti tipici locali: formaggi, ricotta fresca, olive, pomodori secchi, spaghetti e pane caldo con l’olio d’oliva biancolilla.
“Si tratta di un evento culturale, turistico e religioso – ci dice l’assessore alla Cultura Antonella Grisafi – contornato da una gastronomia semplice e genuina che, per qualche giorno, ci ripropone i sapori della nostra terra, dai personaggi in costume d’epoca fino agli animali che animano il momento religioso”.

Caltabellotta presepe natività
La manifestazione è stata organizzata dall’associazione “Pace di Caltabellotta” che cura sapientemente tutti gli eventi, con la collaborazione del circolo San Giovanni Bosco dell’Anspi che ha organizzato feste, spettacoli, recital, tombole.