La compagnia Michele Palminteri compie 25 anni: domani in scena “La giara” di Pirandello

1838

Andrà in scena domani sera alle ore 21:00, presso il teatro Aldo Nicolaj di Calamonaci, la commedia di Luigi Pirandello “La Giara”, adattamento teatrale in atto unico dell’omonima novella pirandelliana. Protagonisti e interpreti  della rappresentazione saranno gli attori della compagnia teatrale e associazione socio-culturale Michele Palminteri, con la guida alla regia del Riberese Totò Nicosia.

La compagnia, che festeggia quest’anno venticinque anni di attività, ha già rappresentato l’atto unico pirandelliano due volte, nel 2000 e nel 2002. L’allestimento di domani sera è un libero adattamento curato da Mariella Spagnolo.

“Il lavoro che sta dietro un allestimento è sempre lungo e faticoso – ci dice Calogero Montalbano, presidente dell’associazione – ma viene poi ripagato dalla gioia del palcoscenico. Abbiamo iniziato le prove de “La giara” lo scorso ottobre. Mi sento di paragonare quest’opera ad un mosaico, quindi c’è voluto del tempo affinché tutti i pezzi andassero al loro posto. Abbiamo deciso di affidare la regia a Mariella e Totò perché nessuno meglio di loro conosce l’opera, già nella prima rappresentazione, quella del 2000, ci guidarono verso un grande successo. Pirandello tratta una tematica più che mai attuale: dietro le maschere dei protagonisti si nasconde l’eterna lotta tra la prepotenza del potere e l’umiltà della povera gente, con l’intelligenza (rappresentata dall’avvocato Scimè) al servizio del più forte. Tutti gli attori hanno dovuto lavorare molto sul proprio personaggio: si sono calati nella parte caratterizzando ogni minimo aspetto. In questo siamo stati molto aiutati dal lavoro di  Mariella e Totò: i loro suggerimenti sono stati preziosissimi.”

Ventitre in totale le opere teatrali portate sul palcoscenico dall’associazione calamonacese nel corso di questi anni: da Martoglio a De Filippo, da Scarpetta a Russo Giusti. La compagnia è nota oltremodo per lo studio e la ricerca nel campo delle tradizioni popolari, soprattutto in ambito etnomusicologico.

” Il 2014 è un anno importante per la nostra associazione – aggiunge Calogero –  e proprio per questo abbiamo intenzione di dare vita a diverse iniziative di carattere culturale per festeggiare al meglio l’anniversario. Per la nostra associazione è un orgoglio poter tagliare il traguardo dei 25 anni di attività e con la rappresentazione di domani sera inaugureremo il nuovo anno. Nell’hinterland difficilmente si può trovare una compagnia così longeva. Per noi, tuttavia, è un punto di partenza, non di arrivo!  Il nostro augurio è quello di festeggiare tanto altro tempo passato insieme sempre all’insegna del teatro, della cultura e dell’arte. Nel corso di questi anni l’associazione è riuscita a coinvolgere oltre 300 persone e ha rappresentato senza dubbio l’alternativa all’ozio, alla strada e al far nulla in generale. Questo per noi è il traguardo più grande!

 

(Nella foto gli attori della compagnia durante la rappresentazione di “Uomo e galantuomo” di Eduardo De Filippo)