Campagna contro le cicche in spiaggia. GUARDA L’INTERVISTA

1431

Continua in maniera intensa la campagna dell’associazione “Mare Vivo” contro le cicche di sigarette che vengono abbandonate dai bagnanti in mare e sulle spiagge dell’Agrigentino. Per tutta la giornata di domenica, sulla spiaggia sabbiosa di Eraclea Minoa, al confine con quella di Bovo Marina, gli operatori di “Mare Vivo” hanno distribuito, gratuitamente per la fruizione pubblica, davanti alla propria postazione di legno posta sull’arenile, un posacenere tascabile, con allegate utili istruzioni, per invitare i frequentatori delle spiagge a deporre le cicche e la cenere delle sigarette all’interno un piccolo involucro plastificato che può essere lavato e reso riutilizzabile.

Un gruppo di operatori dell’associazione ambientalista marina, con il testa il presidente di “Mare Vivo”, Fabio Galluzzo, ha distribuito per l’intera giornata, e lo farà anche nei prossimi giorni, un depliant colorato all’interno del quale si trova l’apposita bustina nella quale inserire i mozziconi di sigarette i cui tempi di smaltimento spontaneo in natura hanno bisogno da uno a cinque anni.

Hanno fatto opera di sensibilizzazione presso i bagnanti sotto l’ombrellone e hanno distribuito i portacenere anche nei locali pubblici in riva al mare con il motto dell’associazione “Ma il mare non vale una cicca?”. Fabio Galluzzo ha così spiegato l’azione e il successo del progetto ambientalista: “In Italia vengono distribuiti circa 100 mila posacenere tascabili, sufficienti ad evitare che finisca in mare una quantità stimata di oltre mezzo milione di mozziconi al giorno. Quello che proponiamo è un piccolo gesto, ma un grande aiuto per un mare più pulito”.

Da quando è iniziata la campagna di “Mare Vivo” sulla spiaggia di Eraclea Minoa di Cattolica Eraclea e di Bovo Marina di Montallegro non si vedono, per fortuna, più cicche in acqua che causano la scomparsa di cetacei, tartarughe, pesci e uccelli marini e gli accaniti fumatori tengono in mano, accanto all’inseparabile telefonino, anche il posacenere tascabile.

 
Guarda la video intervista: