Cianciana: In arrivo equipe archeologica universitaria tedesca

2042

C’è attesa a Cianciana per il prossimo arrivo dell’èquipe archeologica tedesca che continuerà per il quinto anno consecutivo  le ricerche archeologiche di superficie sul territorio di Cianciana e dei paesi vicini come Alessandria della Rocca, Bivona, Santo Stefano Quisquina e San Biagio Platani dove negli anni scorsi sono stati già individuati possibili siti di ricerca archeologica.

Un gruppo di giovani studenti della George August Universitat di Gottingen (Germania), guidati dal professore Johannes Bergman, si stabilirà nel centro ciancianese dove continuerà il lavoro didattico e scientifico di ricerca e di classificazione dei reperti archeologici di superficie che saranno individuati in diverse contrade dei cinque paesi del centro montano. La spedizione tedesca è stata organizzata, come negli anni scorsi, in stretta collaborazione con la Sovrintendenza ai Beni Archeologici di Agrigento che ha concesso le autorizzazioni.

A fare gli onori di casa saranno il nuovo sindaco Santo Alfano e il direttore del museo civico cittadino Paolo Sanzeri, quest’ultimo massimo dirigente dell’ufficio tecnico comunale, i quali collaboreranno con la delegazione tedesca, che rimarrà in Sicilia un paio di settimane, sia per la parte logistica della spedizione e sia per il deposito e la classificazione dei reperti raccolti sul territorio. Sede di tutta l’operazione sarà l’ex istituto della scuola materna, i cui locali sono stati concessi in parte al distaccamento dei volontari dei vigili del fuoco.

Quest’anno di nuovo si registra l’applicazione la convenzione stipulata nelle settimane scorse tra il comune di Cianciana e la Provincia Regionale di Agrigento per l’uso  dei locali del convento dei frati minori riformati, accanto alla chiesa di Sant’Antonio, dove saranno collocati buona parte dei reperti archeologici che saranno classificati ed esposti per la libera fruizione in apposita scaffalatura.