Anas: riparazione strade percorso alternativo crollo ponte Verdura

1798

Alle precise richieste degli amministratori comunali agrigentini, il massimo dirigente dell’Anas Sicilia, ing. Salvatore Tonti, ha assicurato e tranquillizzato, con la sua presenza a Ribera, sindaci e viaggiatori che le strade statali, utilizzate come percorso alternativo alla SS 115 per il crollo del ponte sul fiume Verdura, saranno tutte sistemate con l’eliminazione dei danni causati dal frenetico passaggio dei grossi camion e dei tir e con la posa di un nuovo manto di asfalto in quei tratti in cui il transito è diventato pericoloso per la presenza di buche e dossi.

Al responsabile regionale dell’Anas avevano scritto nelle settimane scorse i sindaci di Calamonaci e di Villafranca sicula, rispettivamente Enzo Inga e Domenico Balsamo, i quali, viste le condizioni precarie delle strade statali e dei tratti viari che interessano il tessuto urbano delle loro città, avevano sollecitato un intervento urgente dell’Anas finalizzato alla riparazione delle arterie che mai in passato avevano subìto un transito veicolare così intenso e pesante. Nei tre mesi di chiusura della SS 115 e del ponte Verdura, l’Anas ha dato vita con qualche intervento alla riqualificazione soprattutto della SS 386, ma le strade comunali sono rimaste comunque danneggiate e oggi aspettano la riparazione per dare sicurezza ai viaggiatori. C’è un tratto di strada statale, sulla 386, tra il centro di Ribera e la SS 115 (bivio Verdura) che presenta una serie di 4-5 frane molto pericolose e che necessita di un intervento immediato.