Giovanni Boccaccio

1228

Bocca baciata non perde ventura, anzi rinnova come fa la luna.