Nota del consigliere Benedetto Vassallo: “Giù le mani dai “51 Lotti!”

2138

“Non provo alcuna soddisfazione ad affermare che io l’avevo detto”. Inizia così la nota stampa diffusa alcuni minuti fa dal consigliere comunale Benedetto Vassallo (Il Megafono). Nota che si riferisce alle somme derivanti dalla vendita degli ex 51 lotti e che riportiamo di seguito.

“Nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale – scrive Vassallo – che la Conferenza dei Capigruppo a maggioranza ha voluto senza l’ausilio dei canonici mezzi televisivi (e non, quindi, solo a causa di problemi di natura finanziaria), è stata approvata la delibera relativa agli “equilibri di bilancio”.  Al di là delle numerose perplessità di natura tecnica e politica, che hanno portato i Consiglieri di minoranza al voto contrario nella delibera approvata, si è dato l’indirizzo di potere utilizzare gli introiti degli oramai famosi “ex 51 – LOTTI” per il pagamento di debiti, malgrado quando si approvò la vendita il Consiglio Comunale vincolò le risorse che ne sarebbero derivate alla realizzazione di opere che potessero migliorare la qualità della vita delle future generazioni”.

“Smentito in Consiglio Comunale dall’Amministrazione e da vari Consiglieri – aggiunge – che acriticamente approvano tutto ciò che viene proposto, nei giorni scorsi, ricevo conferma dal Sindaco, tuttavia, che ciò che avevo paventato era già scritto nei celati piani dell’Amministrazione Comunale. Il Sindaco Carmelo Pace ha, infatti, convocato una riunione per giorno 23 aprile con tutti i Consiglieri Comunali volta a trattare tale “operazione”. Si discuterà di una scelta che potrebbe comportare l’utilizzo di 560 mila euro circa delle somme derivanti dalla vendita degli “ex – 51 Lotti” (circa la metà di quanto versato dalla cooperativa fino ad oggi) per il pagamento di debiti e la richiesta contestuale di un’anticipazione (prestito di oltre 1 milione e 200 mila euro dalla Cassa Depositi e Prestiti”.

“Dopo le feste e i festini – aggiunge ancora – si inizia a giocare col futuro dei giovani. Il Sindaco Pace, la sua rinnegata Giunta e le forze politiche (quali?) che hanno e avranno il coraggio di avallare questa scelta dovranno confrontarsi con le conseguenze del disastro che si continua a perpetuare a Ribera. La strategia, infatti, è sempre la stessa: un misto di vittimismo, spavalderia e mania di onnipotenza combinata con la voglia di tenere “poco informata” i cittadini riberesi che da anni oramai si chiedono che fine abbiano fatto i soldi e dove sono le opere promesse. L’assenza di responsabilità e capacità dell’Amministrazione Comunale impediscono al Sindaco di prendere iniziative, dicendo le cose per come stanno, servendosi dei Dirigenti per farsi promotori delle azioni politiche”.

“Ancora più grave – conclude il consigliere Vassallo – è il fatto che la discussione, anziché essere affrontata in Consiglio Comunale alla luce del sole, lo sia in seguito a “non titolata” richiesta da parte del Sindaco di riservato incontro con tutti i Consiglieri Comunali. E’ giunto il momento che i Cittadini, i Comitati, le Associazioni, le forze politiche presenti e non presenti in Consiglio Comunale manifestino il loro dissenso, rafforzando la barriera che alcuni Consiglieri Comunali, con innumerevoli difficoltà, stanno erigendo a difesa della collettività. Diciamo in modo energico e unito: “giù le mani dai soldi dei 51 LOTTI!”. L’occultamento delle proprie azioni che scientemente sta mettendo in campo l’Amministrazione Comunale, va sconfitta attraverso la partecipazione. L’Amministrazione Pace, senza alcuna programmazione e vivendo alla giornata, sta sperperando non solo i soldi che ha trovato in cassa, ma anche i beni di proprietà del Comune di Ribera”.