Ribera: si sbloccano 120 mila euro per asfaltare le strade urbane

1413

Si sbloccano, finalmente, circa 120 mila euro del bilancio comunale che saranno destinati alla riparazione urgente delle strade del tessuto urbano che più hanno bisogno di asfalto, almeno per coprire le grosse buche che rappresentano un grave e serio pericolo non solo per i mezzi, ma anche per i pedoni. Lo hanno reso noto nei giorni scorsi, durante una conferenza stampa del comune di Ribera con l’Esa per annunciare la pulizia delle strade esterne all’abitato, il sindaco Pace e l’assessore Tramuta, i quali hanno annunciato che il dirigente del dipartimento finanze e tributi dell’ente locale, Gallo, ha dato l’autorizzazione a potere spendere tale somma di denaro che fino ai giorni scorsi era presente nelle pieghe del bilancio, ma non poteva essere spesa per rispetto del patto di stabilità.

La notizia è stata accolta con piacere non solo dagli automobilisti, costretti ormai da qualche anno a fare letteralmente gimkana perfino nelle arterie più importanti e trafficate del centro storico, ma anche da tanti cittadini che rischiano di cadere, infilandosi nelle buche che talvolta sono state coperte ora di terra ed ora di asfalto che le piogge invernali hanno sempre portato via, subito dopo gli interventi di riparazione.

“Abbiamo il progetto pronto da mesi, c’erano anche belli e pronti i soldi per pagare la realizzazione della bitumatura delle arterie che hanno bisogno di maggiore urgenza – ci dice l’assessore ai Lavori Pubblici Baldassare Tramuta – ma c’era pure il blocco del patto di stabilità che ci ha impedito di spendere il denaro. Ora abbiamo bisogno ancora di qualche giorno per l’aggiornamento dei prezzi dell’opera da realizzare, a conclusione del quale potremo indire il bando pubblico per l’assegnazione dell’appalto. Contiamo anche nella buona stagione in arrivo perché con il caldo l’asfalto di attacca meglio e diventa più resistente”.

Sono tanti gli automobilisti riberesi che, avendo ricevuto dei danni, hanno chiesto un rimborso-indennizzo all’ente locale.